Bautista orgoglioso svela: "Contro Djokovic ho giocato il miglior tennis in carriera"

Lo spagnolo ha raggiunto le 400 vittorie in carriera.

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Bautista orgoglioso svela: "Contro Djokovic ho giocato il miglior tennis in carriera"
© Matthew Stockman/Getty Images

Battendo Andrea Vavassori nel match di secondo turno nell’Atp 500 di Barcellona Roberto Bautista Agut ha raggiunto un traguardo molto importante per la sua carriera, ma in generale anche per il Tennis spagnolo. Proprio nel corso di uno dei tornei di ‘casa’, il veterano ha raggiunto il considerevole bottino di 400 successi.

Il 36enne di Castellon de La Plana inoltre è il tennista spagnolo in attività con il maggior numero di partite vinte, dopo Rafa Nadal (1.071) e Fernando Verdasco (559). Un traguardo importante, importantissimo, che lo fa entrare di diritto nella storia del suo paese: “Per me è solo un numero.

La cosa importante è che ho fatto un ottimo lavoro in questi anni, che ho avuto una carriera molto regolare, una carriera di cui posso essere orgoglioso. E ora, per fortuna, posso continuare a divertirmi giocando a tennis", ha detto Roberto.

Una vittoria arrivata in tarda età per Bautista, che rispetto ai suoi colleghi non si può di certo dire un predestinato. Nel 2012 a 24 anni la sua prima gioia nel circuito:La mia prima vittoria è stata a Miami contro Andreas Seppi e, uscendo dal turno di qualificazione, ero molto felice.

Ecco perché Miami è ancora un torneo importante nel mio calendario, mi porta bei ricordi, mi dà energia e le condizioni si adattano al mio gioco", ha assicurato.

"Vi dico qual è il successo di cui vado più fiero"

Ma tra queste, qual è la vittoria di maggior prestigio? Bautista sembra non avere dubbi: Credo di aver giocato il miglior tennis della mia vita a Doha, in semifinale contro Djokovic.

Anche tutte le vittorie contro Djokovic sono state molto speciali. Fortunatamente ho giocato molte partite e mi vengono in mente molte vittorie. La prima contro un giocatore Top 10, contro Tomas Berdych a Chennai 2012, o le vittorie contro Medvedev e del Potro".

L'attuale numero 84 del ranking spera di poter tornare ancora ad un buon livello dopo un momento di flessione dovuto anche ad un infortunio: "L'infortunio mi ha tenuto fuori dal circuito per alcuni mesi e ora sembra che mi senta di nuovo bene. Spero di poter continuare a godere di un buon livello", ha concluso.

SHARE