L'amaro commento di Richard Gasquet: "Non vinco più una partita se non sono al 110%"

Il tennista francese è tornato a vincere a Doha ma ha dovuto cedere il passo a Rublev

by Luca Ferrante
SHARE
L'amaro commento di Richard Gasquet: "Non vinco più una partita se non sono al 110%"
© Darrian Traynor/Getty Images

I senatori del circuito Atp non stanno sicuramente passando un bel momento. Sono diversi i tennisti dai 36 ai 38 anni che stanno faticando a contenere la new generation e a ottenere risultati positivi nei primi tornei del 2024 (chissà se per tanti di loro sarà l'ultimo anno in attività).

Uno di questi è Richard Gasquet, che non sta accettando di buon grado l'uscita definitiva dalla top 100 e la necessità di fare punti anche nei Challenger. In Qatar il francese, dopo una finale raggiunta a Manama (Bahrein), è tornato a vincere un match in un 250 contro un avversario in forma come Alexander Shevchenko.

Agli ottavi il transalpino ha dovuto cedere il pass al numero 5 del mondo Andrey Rublev, che si è dimostrato superiore quanto basta per batterlo 6-3, 6-4.

Le amare rivelazioni di Richard Gasquet

Il 37enne ha ammesso così le difficoltà che sta affrontando in un'intervista a Tennis Majors: "Non ho più alcun margine rispetto agli altri.

Devo essere davvero bravo per vincere una singola partita. Prima vincevo i turni iniziali di una competizione anche se ero al 60%, mentre oggi se non sono al 110%, sia mentalmente che fisicamente, non vinco nemmeno un incontro.

Questa è la cosa più complicata da accettare" è l'amara constatazione di Gasquet. "L'obiettivo è tornare nella top 100 ma sarà complicato. Ogni giorno sono capace di battere giocatori molto bravi, per tornare tra i primi 100 devi anche giocare e vincere molto.

Non ho più 25 anni, la top 100 oggi è più forte di prima" ha aggiunto il francese, che dal 2005 non si era mai ritrovato a gestire una situazione simile. Sul ritiro: "Se continuo è per il piacere di giocare, non avrei mai pensato di farlo per così tanto tempo.

Era qualcosa di inconcepibile per me quando avevo 16 o 17 anni. Pensavo di lasciare a 30 e invece mi diverto ancora" ha concluso.

Richard Gasquet
SHARE