Coco Gauff netta: "Il tennis è al quarto posto nella mia vita"



by MARIO TRAMO

Coco Gauff netta: "Il tennis è al quarto posto nella mia vita"
© Graham Denholm/Getty Images

La giovane americana Coco Gauff è ormai una delle principali protagoniste del circuito femminile, fissa nella Top 5 e vincitrice degli ultimi Us Open. Parliamo comunque di un'atleta giovanissima e con grandi margini di crescita e sicuramente più affamata che mai.

Agli Australian Open ha disputato un buon torneo ma si è arresa solo in semifinale davanti ad una grandissima Aryna Sabalenka, poi vincitrice del torneo. Ora il circuito femminile vede un nuovo importante impegno e questa settimana si disputa il Masters 1000 di Doha.

Nella conferenza stampa prima del torneo Cori ha parlato così trattando di vari temi: "Sono molto felice di tornare a Doha, in doppio ho fatto davvero bene qui negli ultimi anni ma spero che quest'anno possa dire lo stesso anche per il singolare.

Quest'anno non giocherò il doppio ma voglio davvero fare bene qui in Medio Oriente". La Gauff ha parlato anche dei problemi extra tennistici dichiarando: "Per me è molto importante da tennista parlare dei problemi reali nella vita reale.

Il tennis è al terzo o quarto posto, ho altre priorità. Metto Dio al primo posto, poi la famiglia e gli amici e poi il tennis e in generale la comunità che ci circonda. Queste cose vengono prima del tennis ed è importante commentare tutto ciò che accade per dare voce a chi non ne ha.

Doha? Quando gioco in posti dove ci sono minoranze sono felice, sento un legame speranze. Ognuno ha le proprie lotte in questo mondo, a seconda della razza o del background. Speriamo che queste cose ci aiutino a connetterci e ci aiutino a capire perché siamo diversi da tutti gli altri.

Quando vedo il pubblico qui sento che sono in connessione con me e mi danno sempre il benvenuto. Programma strano? Il circuito non ruota attorno agli americani e quindi non posso lamentarmi dei voli lunghi. Sarebbe fantastico giocare solo negli Stati Uniti ma soprattutto visto che sono giovane non posso lamentarmi.

Sono giovane e anche quando sto in Europa mi sento benissimo, lo stesso vale anche per l'Australia". Infine Coco ha parlato del suo rendimento e dell'apporto del suo coach Brad Gilbert: "Brad è qui, parteciperà alla maggior parte dei tornei ma non a tutti.

In Australia ci siamo concentrati sul servizio e sull'essere continui, poi non è passato molto tempo. Non si può cambiare molto dopo dieci giorni di allenamento. Valutazione finora? C'è gente che non ha mai raggiunto le semifinali Slam e quindi non posso lamentarmi, sono sulla strada giusta per vincere un altro Slam e lavoro senza sosta per migliorarmi".

Coco Gauff