Iga Swiatek e il numero uno da difendere: "Vedo il tennis da un'altra prospettiva"



by LUCA FERRANTE

Iga Swiatek e il numero uno da difendere: "Vedo il tennis da un'altra prospettiva"
© Cameron Spencer/Getty Images

Iga Swiatek è approdata a Doha con il dovere morale di difendere il numero uno del mondo e il titolo di campionessa in carica conquistato lo scorso anno. Una missione non semplicissima per la giocatrice polacca, che è reduce dalla sconfitta al terzo turno degli Australian Open: "Ho sempre la sensazione che la stagione sia lunga e che ci siano molte opportunità nei tornei successivi.

Quindi lavorerò duro e farò del mio meglio. L'anno scorso ho imparato che non ha senso difendere nulla, sono capitoli e storie completamente diverse. Non puoi aspettarti molto dal tennis, perché ti sorprende sempre" ha dichiarato.

La 22enne nativa di Varsavia ha confermato di vedere ora il tennis da un'altra prospettiva: "Sono cresciuta, questo è certo. Sarei cambiata anche senza quelle vittorie, perché avevo 19 anni e ora ne ho quasi 23.

Anche il mio stile di gioco è cambiato, seppur molte cose restano le stesse. Il mio gruppo di lavoro rimane per la maggior parte lo stesso, ho persone su cui appoggiarmi. Sono contenta di come sono andati gli anni precedenti".

La responsabilità del numero uno

"Sento che le persone hanno aspettative su di noi, perché attendono che prendiamo posizione o condividiamo ciò che pensiamo e le nostre opinioni. Cerco sempre di ricordare che, se non mi sento a mio agio nel farlo, la maggior parte delle persone lo rispetta, compresi i giornalisti.

Sicuramente c'è una certa responsabilità, anche se mi sto allenando e lavorando sodo. Sento che, siccome sono in cima alla classifica, devo avere delle regole. A volte è un po' più difficile prendersela comoda, perché hai la sensazione che tutti ce l'abbiano con te.

Ma cerco anche di convivere con tutto questo. A volte hai la sensazione che la società ti obblighi a fare le cose diversamente da come faresti, ma è bene ricordare chi sei, indipendentemente dalla tua posizione in classifica" è il pensiero espresso in conferenza stampa da Swiatek.

Iga Swiatek