Medvedev dopo il ko con Jannik Sinner: "Continuo a sognare anche dopo la sconfitta"

Il tennista russo ha commentato la finale appena persa

by Mario Tramo
SHARE
Medvedev dopo il ko con Jannik Sinner: "Continuo a sognare anche dopo la sconfitta"
© Graham Derholm/Getty Images

Ancora una volta una sconfitta, ancora una volta dopo esser stato ad un passo dal titolo. Per Daniil Medvedev gli Australian Open sembrano essere una vera maledizione e il tennista russo si è arreso in finale dopo cinque lunghi set contro un grandissimo Jannik Sinner, protagonista di una bellissima vittoria.

L'Italia torna a vincere dopo una lunga attesa e Sinner porta l'Italia in gloria. Il numero uno azzurro ha vinto il suo primo Slam mentre per Medvedev la finale sembra essere un remake della sconfitta contro Rafa Nadal di qualche anno fa.

Il campione russo ha dato i giusti meriti all'avversario ed ha parlato così nella conferenza stampa post partita: "Rispetto alla sconfitta contro Rafa del 2022 ho sentimenti diversi. Allora dissi che avevo smesso di sognare, ora sto sognando più che mai e non solo nel tennis ma nella vita.

Non riguarda il bambino che sogna, sono un uomo di 27 anni che sta sognando e sta facendo tutto il possibile per il presente e per il futuro. Volevo vincere e sono stato vicino alla vittoria, non so quanto ma di certo non così lontano.

Il punteggio è simile rispetto al match del 2022, ma le mie sensazioni sono diverse. Cosa è successo nel secondo set? Beh, non ho pensato alla sfida contro Rafa, ho cercato di lasciarmela alle spalle altrimenti ci sarebbero tante sfide che potrei perdere.

Dopo due set sentivo quasi di aver smesso di giocare, ho arretrato anche se non ho fatto gravi errori. Lui ha iniziato a giocare meglio ed è stato più aggressivo, io ero stanco ma ho lottato fino alla fine e posso essere orgoglioso perché ho dato tutto.

In alcuni punti del quinto c'era adrenalina alle stelle, correvo e combattevo ma lui ha giocato meglio e il mio servizio è calato. Questo è il tennis, lui è il vincitore ed ha il trofeo. Sinner colpisce molto forte, forse è nella Top 3 del circuito, anzi direi il primo.

In passato non era così, poi è cresciuto. Si può perdere contro questo Sinner, ora è quasi completo, non gli manca molto e infatti ha vinto uno Slam e caro tornei recentemente. Il tennis però è fatti di alti e bassi altrimenti ognuno avrebbe 24 Slam. Personalmente spero di affrontare un Sinner come quello dei primi due set e non quello degli ultimi tre".

Jannik Sinner
SHARE