Fabio Fognini svela i suoi obiettivi e chiarisce: "Coppa Davis? La porta è aperta"

Il tennista ligure vuole ancora togliersi delle soddisfazioni

by Gianluca Ruffino
SHARE
Fabio Fognini svela i suoi obiettivi e chiarisce: "Coppa Davis? La porta è aperta"
© Quinn Rooney/Getty Images

Non è ancora arrivato il momento di smettere, c’è ancora qualche soddisfazione da prendersi. Sono queste le prerogative per la stagione 2024 di Fabio Fognini, che a 36 anni vuole ancora dimostrare di poter stare ai vertici del tennis mondiale.

L’ultima annata del tennista ligure è stata tutt’altro che indimenticabile, in termini sportivi ed extracampo. Gli infortuni e alcuni risultati deludenti hanno fatto precipitare in classifica il tennista azzurro: fuori dalla Top 100 per la prima volta dopo 708 settimane e costretto a ricominciare dal circuito Challenger per poter risalire la china.

Il culmine poi arriva con lo scontro con il capitano della nazionale di Coppa Davis Filippo Volandri, complice l’esclusione del giocatore ligure dalle convocazioni per le storiche, per i colori azzurri, fasi finali della competizione.

In una recente intervista del Corriere dello Sport, Fognini ha parlato degli obiettivi e delle aspettative per la stagione appena iniziata.

Le dichiarazioni di Fabio Fognini

Costretto a rinunciare agli Australian Open per un infortunio al polpaccio, Fabio ha deciso di iniziare la sua annata al Challengher di Tenerife: "Devo cercare di limitare gli infortuni.

Se sto bene, so di potermi esprimere ancora ad alto livello. Un buon 70% di tutto questo dipende da me, la chiave per star bene è trovare continuità, dunque vincere tanto e prendere fiducia". L’italiano ha raccontato alcuni problemi che lo hanno colpito nel finale della passata stagione.

"Sono stato meno tempo in campo, curando più la parte atletica. Non sono stato benissimo, poiché influenza e sinusite un po’ mi hanno dato fastidio in certe giornate, però mi sono allenato con regolarità.

Avevo chiuso il 2023 in crescendo, e senza l’infortunio sarei entrato nel main draw degli Australian Open, mostrando ancora di avere tanto da dire e da dare. La cosa più bella è sapere che a distanza di un mese e mezzo sono ancora qua, con la stessa voglia di competere” ha dichiarato Fognini.

Il tennista ligure ha concluso rivelando gli obiettivi per il futuro. “Lo scorso anno ho disputato molti tornei Challenger, perché sapevo che mi sarebbero serviti per ritrovare smalto e continuità. Adesso sto cominciando a chiedere wild card agli organizzatori dei tornei Atp perché mi sento pronto per rialzare nuovamente l’asticella.

Vorrei tanto giocare di nuovo davanti a un pubblico composto da tanti amici. Ho due tornei per poterlo fare: Roma, dove è sempre speciale poter sentire l’affetto e il calore del Foro Italico. Ma anche Monte-Carlo, a due passi da casa, dove peraltro ho legato ricordi bellissimi.

Considero tutto ciò alla stregua di un 'premio alla carriera' E non nascondo che la porta per un rientro in nazionale è sempre aperta".

Fabio Fognini
SHARE