Maria Sharapova racconta la sua dura infanzia: "Non ho visto mia madre per due anni"

L'ex campionessa di tennis ha trattato davvero di tanti temi

by Redazione
SHARE
Maria Sharapova racconta la sua dura infanzia: "Non ho visto mia madre per due anni"
© Ethan Miller/Getty Images

Maria Sharapova è stata una delle tenniste ad aver fatto la storia nel tennis femminile, una delle atlete che ha reso celebre sto sport. Parliamo di una vera icona, bellissima dentro e fuori dal campo ed anche una grande campionessa.

Maria è stata numero uno al mondo, ha vinto 36 titoli e soprattutto ben cinque titoli del Grande Slam. Nello specifico Maria Sharapova è stata numero uno del ranking Wta mondiale per ben 21 settimane. Ha comunicato a giocare giovanissima, era il 2001 ed aveva solo 14 anni, poi i problemi fisici e una carriera che ha terminato anche prima di quello che tutti si aspettavano.

Ora Maria è felicemente sposata ed ha anche un figlio. Maria è nata in Russia ma si è trasferita con il padre Yuri in Florida quando aveva cinque anni, la madre Helena invece rimase in Russia e sicuramente non è stato per nulla facile per la piccola bambina prodigio.

Nelle ultime ore Maria Sharapova è intervenuta nel podcast Armchair Expert con il giornalista Dax Shepard ed ha trattato di tantissimi temi. Non poteva mancare l'argomento madre e Maria si è raccontata: "Quando venni in America mia madre non è mai venuta a trovarmi nei primi due anni ed è stata dura.

A volte ci ripenso, ho un bambino di soli 16 mesi e non riesco ad immaginare questo tipo di separazione". Va detto che Maria non ha criticato la madre e Helena pensava che questa cosa andava fatta per il bene della sua piccola, la Sharapova ha proseguito: "Era tutto diverso a quel tempo e ottenere un visto era molto complicato.

Lei però ha sempre pensato al grande dono che avevo avuto io e suo marito, la possibilità di praticare uno sport così importanti negli Stati Uniti. Penso che lei ha sempre visto questa situazione da quella prospettiva".

Maria infine ha parlato anche dell'importanza della tecnologia visto che a quei tempi poteva parlare solo via lettere con sua madre, una cosa assolutamente diversa rispetto ai tempi attuali e la donna ha concluso: "A quei tempi io non avevo un cellulare, lei non aveva un cellulare e scrivevo solo lettere fisiche a mia madre.

E ciò non rendeva le cose facili, avevo solo la sicurezza che prima o poi l'avrei rivista. A volte penso che se ci fosse stato FaceTime e potevamo vederci tutti i giorni si sarebbe creato un legame a cui avrei pensato costantemente. Devo dire che per mia madre credo sia stata davvero una grande sfida".

Maria Sharapova
SHARE