Filippo Volandri: "Vincendo la Davis siamo entrati nelle case degli italiani"



by GENNARO DI GIOVANNI

Filippo Volandri: "Vincendo la Davis siamo entrati nelle case degli italiani"
© Clive Brunskill/Getty Images

Ieri a Milano, in occasione dei SuperTennis Awards, l’Italia vittoriosa in Coppa Davis, composta da capitan Filippo Volandri, Jannik Sinner, Lorenzo Musetti, Lorenzo Sonego, Lorenzo Sonego, Matteo Arnaldi, Simone Bolelli è stata premiata per aver compiuto ‘l’impresa del secolo’.

Una soddisfazione immensa per un team che fino a pochi mesi fa era stato sommerso di critiche, ma che si è preso finalmente la soddisfazione che attendeva. Dopo 47 anni il gruppo azzurro è tornato sul tetto del mondo e ha conquistato la sua seconda coppa.

Volandri ha rilasciato un’intervista ricordando i magici momenti vissuti a Malaga: “Abbiamo fatto un po’ fatica a dormire in queste settimane. La gente ci regala sempre tanto affetto, per strada, in treno, in aereo.

Siamo entrati nelle case di tutti gli italiani. Questo ripaga tanti momenti, anche difficili che abbiamo attraversato in questo percorso", ha dichiarato. Il pensiero ora va già al prossimo anno: "Ora l’obiettivo è difendere questo titolo.

Ci siamo detti che vogliamo farlo con Matteo Berrettini. Il pensiero è già lì. Settembre è un po’ lontano, ma la nostra volontà è quella”, ha affermato il capitano ai microfoni di SuperTennis.

Le parole di Jannik Sinner

Belle in tal senso sono state le parole anche del numero uno azzurro, premiato come miglior giocatore dell’anno: ““E’ stata una grandissima emozione. Sentire la connessione con il pubblico è forse la cosa più bella che ci possa essere.

Il pubblico mi ha fatto sentire a casa. Sapevamo che avevamo grosse chance perché non c’erano Spagna e Russia. Eravamo in lotta dal girone di Bologna, con tanta fatica a Malaga ci siamo qualificati per la semifinale e la finale, poi in finale è andata via facile”, ha concluso.