Matteo Arnaldi: "Possiamo aprire un ciclo in Coppa Davis. Imito Novak Djokovic su..."



by LUCA FERRANTE

Matteo Arnaldi: "Possiamo aprire un ciclo in Coppa Davis. Imito Novak Djokovic su..."
© Clive Brunskill/Getty Images

Matteo Arnaldi è stato uno dei protagonisti sia nella fase a gironi di settembre che nelle finali di Malaga della vittoria dell'Italia in Coppa Davis. Il tennista italiano ha dato un contributo importante a tutto il gruppo, vincendo l'importantissima prima partita nell'atto conclusivo contro l'australiano Popyrin.

Un successo che ha consentito a Jannik Sinner di chiudere i conti successivamente. Il 22enne di Sanremo ha raccontato nuovamente quei momenti vissuti in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport: "Effettivamente ho giocato uno dei peggiori set di tutta la stagione (ridendo) ma sono rimasto lì, senza farmi prendere dall’ansia, giocando punto dopo punto.

Provando a reagire, alla fine ho avuto l’occasione sul match point e l’ho sfruttata" ha sottolineato. Poi ha rimarcato: "Ho regalato una gioia ai tifosi, la cosa più significativa è aver condiviso la gioia con Musetti e Sinner, che conosco da quando eravamo junior e facevamo i tornei insieme.

Siamo un gruppo molto unico, ho un rapporto splendido con tutti anche fuori dal campo".

La programmazione di Arnaldi

Matteo è convinto delle potenzialità della formazione azzurra nel breve futuro: "Abbiamo una squadra talmente forte che si può aprire un ciclo.

Se tornerà la Russia, ci faremo trovare pronti anche con loro". Poi il giocatore italiano ha svelato la sua programmazione per il 2024: "Inizierò con l'Atp 250 di Brisbane (ci sarà Rafael Nadal). A seguire Adelaide e gli Australian Open.

Quindi il cemento negli Stati Uniti. Niente terra per me fino ad aprile. La mia superficie ideale è il cemento all’aperto" ha annunciato. C'è un aspetto su cui Arnaldi imita tanto Novak Djokovic: "Ci tengo molto al mio fisico.

Faccio moltissimo stretching, come Nole, e sto attento all’alimentazione. Il corpo è pur sempre il mio strumento di lavoro".

Matteo Arnaldi Coppa Davis Novak Djokovic