Angelo Binaghi, che stoccata a Malagò: "Da lui mai un elogio. Credo che ora..."



by GENNARO DI GIOVANNI

Angelo Binaghi, che stoccata a Malagò: "Da lui mai un elogio. Credo che ora..."
© internazionalibnlditalia.com

L’Italia si è portata a casa ieri il suo secondo titolo in Coppa Davis. Un successo che parte da lontano come ha detto capitan Filippo Volandri. Tantissime le difficoltà incontrate in questi anni dalla squadra azzurra, che dalle delusioni è rinata ed ha finalmente regalato una grande gioia ai suoi tifosi.

Non può che essere entusiasta Angelo Binaghi, presidente della Federazione tennis e padel, che ha sempre creduto in questo progetto e nelle potenzialità di questo gruppo. Ai microfoni di Sky Sport ha rilasciato un’interessante intervista, toccando diversi temi, dall’escluso eccellente Fabio Fognini, alle scelte discusse di Volandri, fino ad arrivare alla pesante stoccata nei confronti di Giovanni Malagò, attuale presidente del CONI.

Le parole del capo della FITP

Il mio pensiero va a Fognini, che ieri ha vinto in Spagna un Challenger importante, battendo nel percorso due tennisti spagnolo molto forti. Non è potuto essere con noi in questa avventura, ma non dimentichiamo il suo contributo negli ultimi anni, soprattutto quando non avevamo i campioni che abbiamo ora.

Il tennis italiano ha bisogno ancora di lui, che torni in top 100 e dia ancora il suo apporto a questa movimento in grande ascesa. Senza dimenticare le ragazze che si sono spinte fino in finale alla BJK Cup”. La scelta sul tennista ligure non intacca il gran lavoro di Volandri: “Ha avuto il merito di creare un gruppo di amici anche contro il mio parere perché secondo me devono giocare sempre i più forti, anche se sono antipatici e fanno a cazzotti.

Si è preso le sue responsabilità fino in fondo. La squadra si è sempre rialzata, anche quando era morta a Bologna. Matteo Arnaldi, pur giocando male è riuscito a trovare dentro di lui energie impensabili, grazie all’amicizia che lo lega al resto del gruppo.

Forse se avesse giocato un match individuale avrebbe perso. Questa Coppa Davis è stato vinta da un gruppo unico di amici“, ha affermato. Infine su Malagò: “Una dedica la voglio fare a lui, che in questi mesi non ha mai trovato il tempo di farci i complimenti per quello che stavamo facendo.

Da lui mai un elogio, che caduta di stile. Credo che ora il tempo lo troverà“, ha detto polemico.

Fabio Fognini