Boris Becker descrive l'importanza di mamma Aneke nel team di Holger Rune



by GENNARO DI GIOVANNI

Boris Becker descrive l'importanza di mamma Aneke nel team di Holger Rune
© Valerio Pennicino/Getty Images

Holger Rune è uno dei talenti più luminosi del panorama tennistico mondiale. Insieme a Carlos Alcaraz e Jannik Sinner compone il terzetto dei più giù giovani componenti della top 10. Il danese ha in questi anni dimostrato un talento importante che gli ha permesso di mettere in bacheca già titoli di tutto rilievo come Parigi Bercy.

Il carattere fumantino del numero 8 del mondo però va gestito con parsimonia. Il suo nuovo coach, Boris Becker, arrivato da poco più di un mese al suo fianco, si è messo immediatamente a lavoro per aiutarlo a diventare un top player.

Le parole di Boris Becker

Il coach tedesco al podcast di Eurosport Germania, "Das Gelbe vom Ball", ha parlato del suo allievo: "​Quando sono arrivato a Basilea, il direttore del torneo che mi aveva dato la prima wild card nel 1984 mi ha abbracciato.

Mi sono sentito subito a casa. La comunità tennistica ha reso molto facile il mio reinserimento qui, a partire da Holger, naturalmente, che mi ha amato molto. A Parigi, Cedric Pioline, contro cui avrò giocato 15 volte, mi ha accolto calorosamente e mi ha chiesto: "Dove sei stato per tutto questo tempo.

Ci sei mancato' È stato davvero fantastico per me". "L'inizio è stato molto intenso perché era in gioco la partecipazione di Holger alle ATP Finals di Torino. Per dirla senza mezzi termini, ha avuto un'estate molto negativa.

Con un set e un break nel primo turno di Basilea, tutti pensavano che sarebbe stato un altro incontro difficile, ma lui ha dimostrato di saper lottare e di volere fortemente la vittoria. Durante la preparazione abbiamo discusso sul perché avesse perso le partite: era il suo dritto o il suo rovescio o il suo atteggiamento? Se il tuo atteggiamento non è corretto, non hai bisogno di giocare a tennis.

Ha migliorato partita dopo partita il suo atteggiamento, ma anche il suo stile di gioco. Ha perso subito la semifinale di Basilea, anche quella non è stata una buona partita", ha dichiarato. Sul ruolo della madre Aneke l’ex campione Slam si è espresso così: “Sarò anche il capo allenatore, ma sono importante quanto il nostro analista Mike James e il preparatore atletico Lapo Becherini.

E, in ogni caso, Aneke è la madre dell'azienda: Senza di lei non funziona nulla. Per essere un'estranea che non ha mai giocato a tennis, ha una conoscenza incredibile di questo sport. E, soprattutto, sa cosa è bene per suo figlio.

Quindi voglio sottolinearlo ancora una volta: è un lavoro di squadra tra Aneke, Lapo, MJ e me", ha concluso.

Boris Becker Holger Rune