Stefanos Tsitsipas brilla a Parigi: "Non so ancora quale sia il mio livello migliore"

Il tennista greco sta ritrovando la continuità mancata durante la stagione

by Gianluca Ruffino
SHARE
Stefanos Tsitsipas brilla a Parigi: "Non so ancora quale sia il mio livello migliore"
© Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Estetica e bellezza in un’unica partita. La semifinale del Master 1000 di Parigi-Bercy tra Stefanos Tsitsipas e Grigor Dimitrov vede di fronte due tennisti che esprimono, qualitativamente parlando il miglior tennis nel circuito.

In conferenza stampa il greco, dopo il successo ai quarti con Kachanhov, ha parlato del suo stato di forma dopo un’annata piuttosto opaca.

Le parole di Stefanos Tsitsipas

Tsitsipas, dopo una stagione altalenante, è tornato ad ottenere risultati importanti nei tornei indoor.

“Prima non stavo giocando un buon tennis e non mi stavo allenando troppo. Ho fatto alcuni cambiamenti nella mia squadra e cambiato altre cose. Non avevo la giusta mentalità. Non ero nello stesso stato d'animo in quel periodo e questo mi è costato” ha dichiarato il 25enne greco.

Quella con Dimitrov sarà la sfida tra due dei rovesci ad una mano più belli del circuito. Sulla scelta di questo colpo rispetto a quello bimane, il greco ha commentato: “Novak ha dimostrato quanto possa essere buono il rovescio a due mani, ma per me il rovescio a una mano è sempre stato il colpo classico, da quando lo vedevo giocare in TV.

È così che si giocava a tennis ed è il colpo classico che Sampras, uno dei miei giocatori preferiti, ha giocato. All'epoca ero piuttosto giovane per guardare le partite di Roger Federer, ma me lo ricordo più tardi, quando avevo circa sei anni”.

Tsitsipas ha poi aggiunto: “Ricordo il giorno in cui scelsi di giocare il rovescio a una mano. Uno dei miei allenatori è entrato in campo e mi disse che avrei dovuto scegliere io quale tipo di rovescio giocare.

Quel giorno dissi a mio padre che avevo scelto quello a due mani. Il giorno dopo passai definitivamente al rovescio a una mano (ride)”. L’ex numero tre del mondo ha spiegato che l’assenza di suo padre nei mesi precedenti è stata uno dei motivi del suo calo in termini di risultati.

“A tutti noi piace avere una rete di sicurezza intorno a noi. Intendo dire che abbiamo persone che conosciamo e con cui ci sentiamo familiari, soprattutto quando viaggiamo in tutti questi Paesi del mondo. È stato difficile stare lontano da lui, perché mi sembrava che il mio tennis non fosse così strutturato giorno per giorno e che tutto fosse un po' più sciolto del solito.

Credo che la capacità di mio padre sia quella di entrare in campo e di correggermi se qualcosa non sta andando come vorrei. O anche nei fallimenti e nei momenti difficili, è ancora in grado di entrare in campo e di rifiutarsi di lasciare il campo se ciò su cui abbiamo bisogno di lavorare o di sistemare non viene risolto” ha spiegato Tsitsipas.

Su quale sia il suo miglior livello di tennis, il greco ha infine dichiarato: “Il punto è che non so quale sia il mio livello migliore. Ho avuto un buon livello agli Australian Open di quest'anno. Non era il mio migliore, ma era molto buono.

Poi ho giocato uno dei miei migliori tennis alle Nitto Finals di Londra anni fa. Ogni singolo torneo è una nuova opportunità per me di mostrare probabilmente il mio miglior livello di sempre. Non posso dire con certezza quale sia stato il mio livello più alto, forse le Nitto Finals o il mio percorso a Monte-Carlo, il primo anno in cui l'ho vinto.

Onestamente, il mio obiettivo non è solo la partita, ma l'intera settimana. Probabilmente risponderò a questa domanda quando la mia carriera sarà finita, negli anni a venire, quindi è meglio rispondere allora”.

Stefanos Tsitsipas
SHARE