La gioia per il titolo ad Anversa di Alexander Bublik: "Non pensavo fosse possibile"

Il kazako nel corso della premiazione esalta il giovane Fils: "Contento di averlo battuto prima che diventi un fenomeno"

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
La gioia per il titolo ad Anversa di Alexander Bublik: "Non pensavo fosse possibile"
© Getty Images

Alexander Bublik ha conquistato ieri ad Anversa il suo terzo titolo in carriera. Il secondo dopo il prestigioso trofeo ad Halle. Il kazako ha disputato una prova di grande spessore, riuscendo a superare a suon di aces il promettente Arthur Fils.

Si tratta per lui probabilmente del miglior momento della sua carriera, pur avendo mostrato da sempre un gran talento, ma forse mai prima d’ora lo aveva messo in campo con questa continuità.

Il 26enne ha messo a segno 11 aces e ha vinto il 97% dei punti con la prima di servizio e tornerà nella top 30 al prossimo aggiornamento della classifica ATP: "Onestamente, quando ho vinto il secondo titolo, ho pensato: 'Forse è finita, forse non ne vinceremo mai più'", ha detto con un pizzico di modestia.

"È stata la sensazione più bella di sempre, quindi essere di nuovo qui, vincere un altro titolo, significa tutto per me", ha continuato emozionato.

Bublik e l'investitura su Fils

Non sono mancati poi i complimenti verso il giovane collega Fils, che qualche giorno prima aveva battuto Stefanos Tsitsipas: “Ho servito praticamente per tutto il match.

Ho detto ad Arthur che sono stato molto fortunato a batterlo in una finale prima che diventasse il nuovo fenomeno. Era l'unica opzione che avevo e l'ho eseguita bene", ha spiegato nel momento della premiazione.

Il 19enne, numero 38° del ranking mondiale dovrà aspettare ancora per vincere il secondo titolo Atp, dopo quello di Lione dello scorso maggio.

Il suo cammino ripartirà da Vienna, dove al primo turno affronterà un avversario davvero duro, Daniil Medvedev.

Alexander Bublik
SHARE