Grigor Dimitrov sul suo 2023: "Credo che sia stata una delle migliori stagioni"

Il bulgaro ha battuto Jarry ai quarti di finale di Shanghai. In semifinale affronterà Rublev

by Gianluca Ruffino
SHARE
Grigor Dimitrov sul suo 2023: "Credo che sia stata una delle migliori stagioni"
© Lintao Zhang/Getty Images

Solidità e classe. Sono queste le chiavi del successo di Grigor Dimitrov su Nicolas Jarry ai quarti di finale del Master 1000 Shanghai, una vittoria che per il bulgaro vale la prima semifinale in tornei di questa categoria dopo quella di Montecarlo nel 2022.

Il 32enne bulgaro in conferenza stampa ha parlato della sua annata positiva, culminata con gli ottimi risultati della tournèe asiatica e col ritorno in top 20.

Le parole di Grigor Dimitrov in conferenza stampa

Dimitrov ha analizzato la prova di forza contro Jarry, in cui ha commesso soltanto tre errori non forzati, non concedendo nessuna palla break.

“Riuscire a rispondere al suo servizio è stata la chiave. È uno dei tennisti col miglior servizio nel circuito. Credo di aver avuto alcune opportunità all'inizio del match, ma lui le ha neutralizzate in modo incredibile con la prima di servizio.

Ha giocato un tie-break molto solido. Ho saputo rimanere molto calmo e sfruttato tutte le opportunità che ho avuto” ha commentato il bulgaro. Il numero 19 del ranking si è detto entusiasta dei risultati ottenuti fino ad ora nelle apparizioni nei tornei sui campi asiatici.

“Sono qui da un mese, esattamente un mese. Mi piace stare in Asia, mi piace stare in Cina, ad essere sincero, in un certo senso hai anche un po' di tempo per te stesso. Posso sicuramente dire che questo viaggio per me è stato quasi spirituali, a tanti livelli diversi, dentro e fuori dal campo.

Ho sperimentato una quantità di emozioni mai sperimentate in vita mia e ciò mi ha fatto crescere molto. Quando scendo in campo voglio godermi ogni singolo punto che gioco” ha spiegato Dimitrov. Per il bulgaro il 2023, in termini di prestazioni, è probabilmente il miglior dal 2017.

Credo che sia stata una delle migliori stagioni, senza dubbio. Rispetto al 2017 sono anche stato più costante, perché credo che questo sia anche il momento in cui sento che sto costruendo di più e sto imparando di più su di me, sul mio gioco e su ciò che funziona per me in generale.

Devo prendermi cura del mio corpo, nel miglior modo possibile, rispetto a quando ero più giovane. Inoltre, dal punto di vista mentale, è molto importante per me essere riposato, consapevole e concentrarmi sulle cose che mi interessano davvero quando arrivo a un torneo” ha detto l’ex numero 3 del mondo.

Dimitrov ha poi scherzato sulla possibilità di riunire i One-Handed Backhand Boys, band di cui facevate parte insieme a Tommy Haas e Roger Federer. “Non lo so, ho appena visto Roger, quindi credo che ne parleremo un po' (sorride).

Mi piacerebbe molto. Credo che, purtroppo, le nostre vite abbiano preso strade diverse (ride). Cioè, in un certo senso, ognuno per conto suo. Ovviamente ci seguiamo ancora a vicenda e siamo entusiasti di vedere come procede la vita e di avere un'anticipazione dei momenti di ognuno.

Tengo così tanto a questi momenti che, forse, ci verrà in mente qualcosa quando meno ve lo aspettate” ha rivelato il bulgaro. Su Rublev, suo prossimo avversario in semifinale, Dimitrov ha speso parole di grande stima: “Credo che Andrey sia un giocatore costante, anno dopo anno.

Un ragazzo straordinario, un giocatore straordinario. Si sa che competerà, si sa che colpirà tutto ciò che gli capita a tiro. Credo di non avere abbastanza parole per descriverlo”.

Grigor Dimitrov
SHARE