Bertolucci: "Coppa Davis? Italia tra le migliori". E svela il favorito agli Us Open

L'ex tennista fa un pronostico sulle chances della squadra azzurra

by Luca Ferrante
SHARE
Bertolucci: "Coppa Davis? Italia tra le migliori". E svela il favorito agli Us Open

Jannik Sinner, il favorito numero uno agli Us Open prima delle semifinali e le possibilità dell'Italia nell'edizione 2023 di Coppa Davis. Su questi temi Paolo Bertolucci si è espresso in una recente intervista rilasciata ai microfoni di SuperNews.

Su New York l'ex tennista si è espresso in maniera piuttosto netta: "In campo maschile Novak Djokovic sembra abbastanza naturale che arrivi in finale. Tutti si aspettano una finale con Alcaraz, una ripetizione di Wimbledon.

Bisognerà anche vedere Carlitos in che condizioni fisiche e mentali arriverà. Per quanto riguarda le donne è sempre complicato e difficile trovare una favorita, di sicuro la nota positiva è il ritorno ad alti livelli di Gauff, che potrebbe aver definitivamente fatto lo step necessario per provare a vincere il titolo" ha sottolineato.

Sull'appuntamento della Davis Cup, in programma dal 12 settembre a Bologna: "Il Canada detentore del titolo non schiererà Auger-Aliassime, non giocherà assolutamente Nadal e vedremo gli Stati Uniti come si presenteranno.

Di sicuro, l'Italia è tra le prime 3 del mondo. L'anno scorso siamo andati a un passo dalla finale, che probabilmente avremmo vinto, tra l'altro con una squadra non al completo. Quest'anno speriamo di avere la squadra al completo e ce la giocheremo con tutti" ha rivelato.

Bertolucci su Sinner

Il 72enne nativo di Forte dei Marmi ha aggiunto delle importanti considerazioni sull'altoatesino: "Sinner è numero 6 del mondo, ha 22 anni, credo che ci sia ampia possibilità che rimanga tra i primi 5 al mondo.

L'ho sempre sostenuto che è un giocatore che vale la classifica attuale, ma anche di più. Poi, se diventa numero 1 o numero 2 o via dicendo... io non faccio l'indovino. L'impressione è che Alcaraz sia più attrezzato sotto questo punto di vista.

Può essere che venga fuori anche qualcuno di nuovo, ma Sinner per i prossimi 10 anni sarà un giocatore altamente competitivo, questa è la cosa più importante" ha aggiunto e concluso.

Us Open
SHARE