Medvedev: "Bisogna intervenire prima che succeda qualcosa. Wu è svenuto a Washington"

Il russo si è soffermato sulle dure condizioni di gioco degli ultimi giorni

by Antonio Frappola
SHARE
Medvedev: "Bisogna intervenire prima che succeda qualcosa. Wu è svenuto a Washington"
© Sarah Stier/Getty Images

“Siamo entrambi vivi: questa è la cosa più bella della partita” . Daniil Medvedev, senza utilizzare giri di parole, ha descritto meglio di chiunque altro le condizioni di gioco che hanno caratterizzato e condizionato il suo match con Andrey Rublev.

Entrambi sono apparsi stremati al termine dell’incontro e, in più di un’occasione, hanno sfruttato tutto il tempo a disposizione per rifiatare tra un punto e l’altro. Come accaduto agli ottavi di finale contro Alex de Minaur, Medvedev è stato costretto a richiedere due volte l’intervento del fisioterapista per i problemi di respirazione provati nel corso della disputa.

Il medico ha offerto al russo un inalatore per permettergli di respirare meglio e provare a cambiare la situazione. Il russo ha trovato comunque il modo di imporsi in tre set con il punteggio di 6-4, 6-3, 6-4.

Medvedev si sfoga in conferenza stampa

“Potrei dire molte cose.

Condizioni brutali per entrambi. Sudavamo tantissimo e abbiamo dovuto usare molti asciugamani. Non ho più pelle sul naso e ho la faccio rossa, ma è non a causa del sole. Ho appena visto Andrey nello spogliatoio e anche lui era rosso in volto.

Questo dice tutto. Quanto lontano possiamo spingerci? Potremmo giocare cinque set, avere delle difficoltà il giorno successivo e poi stare bene. Oppure, abbiamo un tennista come Yibing Wu che è svenuto a Washington, forse a causa del caldo" , si è sfogato Medvedev in conferenza stampa.

"Non so cosa possiamo fare. Probabilmente non possiamo fermare il torneo per quattro giorni. Rovinerebbe tutto in relazione agli accordi televisivi e ai biglietti. Potremmo giocare al meglio dei tre set quando le condizioni sono così complicate? Una scelta che non renderebbe felici molti tennisti.

Non voglio succeda qualcosa e poi sentire: 'Oh, Daniil lo aveva detto un paio di anni fa' . Non ho una soluzione, ma bisogna parlarne prima che succeda qualcosa" . Medvedev ha anche descritto nei dettagli il suo post-partita.

"Mi sento abbastanza bene adesso. Sono solo piuttosto esausto. Non è stato facile. Non riuscivo a vedere chiaramente le cose, la mia vista era annebbiata. Tremavo e avrei voluto restare seduto per ore negli spogliatoi. Mi sono immerso nel ghiaccio, mi sono cambiato e sono andato a mangiare.

Ho iniziato a sudare nonostante l'aria condizionata e ho detto al mio team di portarmi subito del cibo. Dopo aver mangiato, ho iniziato a sentirmi meglio" .

SHARE