Swiatek e il nastro adesivo sulla bocca: ecco perché si allena così

La polacca ha provato a spiegare il motivo per cui si allena con del nastro adesivo sulla bocca

by Antonio Frappola
SHARE
Swiatek e il nastro adesivo sulla bocca: ecco perché si allena così

Iga Swiatek ha deciso di partecipare al torneo di Varsavia prima dell’inizio della stagione americana per non farsi trovare impreparata e affrontare nel migliore modi la transizione dall’erba al cemento. La giocatrice polacca ha letteralmente dominato l’evento di casa e potrà lasciare Montreal sulla vetta del ranking nel caso in cui riuscisse a superare gli ottavi di finale.

Swiatek non è stata particolarmente fortunata, perché il sorteggio la metterà di fronte a sfide piuttosto complicate sin dal secondo turno. La sua prima rivale sarà infatti l’ex numero uno WTA Karolina Pliskova.

Swiatek si allena con del nastro adesivo sulla bocca: il motivo

Swiatek ha ammesso di essersi allenata molto intensamente negli ultimi giorni. Proprio osservando le sessioni di allenamento della polacca non è sfuggito un evidente particolare a tutti gli appassionati di tennis.

Swiatek ha infatti svolto una intera seduta utilizzando un pezzo di nastro adesivo sulla bocca. “Ho svolto alcuni allenamenti molto intensi in questi giorni. Le sensazioni sono positive dopo il torneo di Varsavia e non vedo l’ora di giocare la mia prima partita a Montreal.

Quest’anno le cose sono diverse e ho molta più fiducia. Giocare a Varsavia ha cambiato la mia prospettiva, perché l’anno scorso non è stato facile passare dall'erba al cemento” , ha spiegato la giocatrice di Varsavia in conferenza stampa.

“È più difficile respirare solo usando il naso, ed è più facile che la mia frequenza cardiaca aumenti. Non lo spiegherò alla perfezione perché non sono un’esperta. A volte non capisco le cose che mi dicono di fare, ma lo faccio da molto tempo ormai, quindi è diventato abbastanza usuale.

Ma di sicuro avverto delle difficoltà maggiori nelle cose che faccio con quel nastro adesivo sulla bocca. Quindi immagino che sia il modo per lavorare sulla mia resistenza, senza farmi correre veloce o fare altre cose estreme” . Photo Credit: Getty Images

SHARE