Rune si ferma ai quarti contro Alcaraz: "Non stavo bene, non avevo la solita energia"

Finisce l'avventura del numero 6 a Wimbledon. A fermarlo lo spagnolo che in semifinale troverà Daniil Medvedev

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Rune si ferma ai quarti contro Alcaraz: "Non stavo bene, non avevo la solita energia"

Holger Rune ha perso la sfida ai quarti di finale di Wimbledon contro Carlos Alcaraz. Un match che con ogni probabilità si ripeterà con una certa regolarità nel futuro. I due tennisti, insieme a Jannik Sinner, rappresentano il meglio della gioventù e un grande spot per tutti i ragazzi che si avvicinano a questo sport.

Ad avere la meglio a questo giro è stato lo spagnolo, che ha fatto valere la sua maggiore esperienza negli slam, battendolo in tre set. Di assoluto livello rimane il percorso del danese, che pur non avendo grande dimestichezza con la superficie è stato capace di spingersi fino ai quarti di finale Queste le sue parole in conferenza stampa: “Sono un po' deluso.

Non mi sentivo al meglio nell'incontro di oggi, ma ho fatto del mio meglio per non deludere il pubblico. Ho cercato di lottare fino alla fine. Non mi sentivo come gli altri giorni quando mi sono svegliato al mattino, ma questo fa parte del gioco.

Non avevo la stessa energia che ho di solito quando gioco. Dovevo fare del mio meglio e vedere se avevo una possibilità. Ho fatto del mio meglio, date le circostanze. Ha giocato una buona partita. Penso che avrei potuto giocare meglio.

Non c'è altro da fare che continuare ad andare avanti", ha spiegato.

L'insegnamento tratto da Holger Rune

Poi ancora sul match: "Credo che chi avesse vinto il primo set avrebbe avuto un grande vantaggio. Mi sono sentito bene dopo aver perso il primo set perché è successo anche contro Grigor.

Volevo cercare di trovare la mia strada nel match, ma lui ha acquisito più fiducia in quel set, io no. Se avessi vinto il primo set, il secondo sarebbe stato diverso. Ha avuto lo slancio e ha iniziato a giocare meglio".

il numero 6 ha tratto un insegnamento da questa sconfitta: "Ho imparato che non importa quali siano le circostanze, devo impegnarmi al massimo nel mio gioco. Oggi non credo di averlo fatto al 100%. Gli ho permesso di prendere il comando su troppi punti.

Quando ha la possibilità di essere in vantaggio, è incredibile. Devo essere più bravo a sfruttare le mie occasioni. Quando ho una palla facile, devo sfruttarla", ha detto. Infine un pensiero sul suo coetaneo Alcaraz: "Penso che sia fantastico.

È davvero fantastico che siamo così vicini di età. Spero che potremo continuare a questo livello per molti anni. Lui è in forma, io sono in forma. Penso che abbiamo le carte in regola per giocare ancora molte battaglie.

Dopo la partita mi ha detto che giocheremo molte volte. Spero che potremo continuare a questo livello", ha concluso.

Alcaraz Wimbledon Daniil Medvedev
SHARE