Svitolina: "Una piccola vittoria per l'Ucraina. Fischi ingiusti ad Azarenka ma..."

Interessanti parole della giocatrice ucraina dopo i quarti raggiunti a Wimbledon

by Luca Ferrante
SHARE
Svitolina: "Una piccola vittoria per l'Ucraina. Fischi ingiusti ad Azarenka ma..."

Una rivincita personale e 'quasi' per l'intero Paese. Elina Svitolina ha interpretato così la vittoria ottenuta agli ottavi di Wimbledon contro la bielorussa Victoria Azarenka, che a fine match si è lamentata e non poco del trattamento ricevuto dal pubblico.

Viki, infatti, è stata fischiata pesantemente all'uscita dal campo e ha reagito con uno strano gesto. L'ucraina ha parlato di quanto accaduto in conferenza stampa, evidenziando: ""La stessa cosa è successa a me a Parigi.

Ho giocato tre partite al Roland Garros in questo modo. Penso che le organizzazioni di tennis debbano dichiarare che non ci sarà stretta di mano tra giocatori russi, bielorussi e ucraini. Non so se forse non è chiaro alle persone.

Alcune non sanno davvero cosa sta succedendo, quindi credo che questo sia il modo giusto per farlo. I fischi sono stati ingiusti nei confronti di Azarenka, lo sono stati anche per me nei quarti dell'Open di Francia" ha spiegato.

Le parole in conferenza stampa

"Ho ricevuto molto supporto e ho controllato rapidamente il mio telefono. C'erano circa 60, 70 messaggi di persone che stavano guardando e facendo il tifo. Molti video di persone che l'hanno visto in Tv.

Sono davvero orgogliosa dello sforzo che ho fatto. Nei momenti difficili mi sono detto che dovevo lottare e dare il massimo. Questa mentalità mi ha davvero spinto perché non ho il diritto di lamentarmi in questa situazione.

Io dovevo solo andare là fuori e combattere" ha dichiarato. Sul divieto del torneo lo scorso anno: "È stato un messaggio chiaro da Wimbledon. Quest'anno è stato cambiato a causa di diversi tipi di pressione.

Ho già risposto a questa domanda, non sono favorevole al cambiamento" ha rimarcato, concludendo: "Questa è stata una partita molto difficile e significava molto per me. So che molte persone a casa mi stanno guardando e mi supportano.

Sento anche la responsabilità. Quindi, se gioco un incontro contro un russo o un bielorusso, sento più pressione perché voglio vincere. Ecco perché significa molto ottenere questo tipo di vittorie. A modo mio, è una piccola vittoria per l'Ucraina". Photo credit: Ian Walton (Wimbledon).

Wimbledon
SHARE