Casper Ruud e l’altro motivo per cui mal sopporta l’erba

Il norvegese lo ha dichiarato in una recente intervista a Eurosport

by Giuseppe Migliaccio
SHARE
Casper Ruud e l’altro motivo per cui mal sopporta l’erba

Che Casper Ruud sia in un rapporto conflittuale con l’erba è ormai chiaro a tutti. Al di là delle battute del tipo “è una superficie per i giocatori di golf” ormai divenute celebri, tuttavia, il norvegese ha anche una motivazione medica a suo sostegno.

In una recente intervista rilasciata a Barbara Schett di Eurosport, infatti, il numero 4 del mondo ha rivelato di essere allergico all’erba e, proprio ultimamente, stava valutando di ricominciare ad assumere antistaminici: “Ho già prurito agli occhi perché sono davvero allergico all'erba.

Dovrò ricominciare a prendere delle pillole per l'allergia. Ho fatto le ore piccole al campo da golf. Stamattina lo sento già” . Scherzando, poi, Ruud ha spiegato che ciò che lo motiverà ad andare avanti a Wimbledon non sarà il risultato bensì il concerto dei The Weeknd, la sua band preferita, che si esibirà a Londra il 7 e l’8 luglio: “Il fatto è che ha due concerti nel primo weekend di Wimbledon.

Quindi, la mia motivazione a fare bene è piuttosto alta, in modo da poter assistere a un terzo spettacolo” (è già stato ai concerti di Oslo e Stoccolma).

Ruud categorico: “Erba? Preferisco riposarmi”

Non c’è proprio nulla da fare: Casper Ruud proprio mal sopporta la stagione su erba.

A distanza di un anno dalla sua ormai celebre dichiarazione “l’erba è per i giocatori di golf”, il norvegese non cambia di un minimo la sua idea, dando fondamentalmente appuntamento direttamente a Wimbledon.

Il finalista del Roland Garros 2023, d’altronde, lo ha ribadito a chiare lettere pochi giorni fa nella conferenza stampa al termine della sconfitta in finale contro Novak Djokovic: “È divertente giocare sull'erba.

L'anno scorso ho detto: l'erba è per chi ama il golf. Era una battuta, ovviamente, e non va presa per buona. Poi, l'erba non si adatta al mio gioco. Non mi sento completamente a mio agio su di essa. Se c'è un momento dell'anno in cui ho bisogno di riposare un po', di recuperare dopo una lunga stagione sulla terra battuta, è proprio quello in cui gioco sull'erba.

Ecco perché non gioco molto. In ogni caso, è sempre divertente andare a Wimbledon. Chiedete a chiunque nel mondo e la maggior parte delle persone vi dirà che ha sentito parlare di Wimbledon. È il nome Wimbledon che la gente conosce” . Photo Credits: Getty Images

Casper Ruud
SHARE