Tsitsipas spegne le polemiche con Nick Kyrgios: "Non c'è razzismo, solo un malinteso"

Lunga nota sui social del tennista numero 5 del mondo

by Luca Ferrante
SHARE
Tsitsipas spegne le polemiche con Nick Kyrgios: "Non c'è razzismo, solo un malinteso"

Una nota per spiegare alcuni aspetti e rispedire al mittente le accuse di razzismo ricevute. Stefanos Tsitsipas ha diffuso attraverso la sua pagina Facebook ufficiale un lungo messaggio per spegnere ancora una volta le polemiche con Nick Kyrgios, a seguito di quanto accaduto tra i due a Wimbledon dello scorso anno (sarà documentato in un episodio della seconda stagione della serie 'Break Point' su Netflix).

Il nativo di Atene, senza paura, ha voluto affrontare le accuse, chiarire la sua posizione e rivelare come sia stato vittima di discriminazioni per il Paese d'origine negli anni successivi alla grande crisi economica del 2008.

Le parole sui social di Tsitsipas

Oggi voglio affrontare una questione che mi sta pesantemente a cuore: uno sfortunato malinteso che ha un quadro distorto delle mie intenzioni. Sono venuto a sapere che alcuni individui hanno frainteso i miei commenti su Nick Kyrgios, etichettandolo come ignorante e accusandolo di portare una mentalità basket nel tennis, insinuando razzismo dove non esiste.
Colgo l'occasione per fare chiarezza e porre rimedio a qualsiasi malinteso che si sia verificato.

Innanzitutto, voglio sottolineare che non nutro pregiudizi nei confronti di nessuno in base al suo passato, etnia o interessi. Rimpiango profondamente se le mie parole sono state fraintese o offese, perché non è mai stata mia intenzione.
È vero che amo il gioco del basket e sono un tifoso devoto da anni.

L'eccitazione, la bravura e la competitività dello sport mi hanno sempre risuonato. Tuttavia, la mia ammirazione per il basket non dovrebbe essere fraintesa come un licenziamento o sminuimento di altri sport, compreso il tennis.

Ogni sport porta con sé la sua bellezza unica, e nutro immenso rispetto per la dedizione e il talento mostrati dagli atleti in varie discipline, tra cui il tennis.
Le mie precedenti osservazioni su Nick Kyrgios non erano intese a minare la sua intelligenza o capacità.

Invece ho semplicemente voluto esprimere la mia prospettiva su alcuni aspetti del suo stile di gioco, facendo paragoni alla passione e all'intensità spesso associate al basket. È stato un tentativo di evidenziare la natura dinamica e accattivante del suo approccio al gioco, non una critica al suo carattere o alle sue capacità.

Voglio aprirmi con voi su una parte della mia vita che ha lasciato un segno indelebile nel mio viaggio. Un tempo che mi ha portato faccia a faccia con paura, avversità e crescita personale. Nel 2010, da bambino bianco caucasico, cresciuto in Grecia, mi sono ritrovato incastrato nelle grinfie della crisi economica greca, un periodo che ha cambiato per sempre la mia prospettiva sul mondo e la resilienza dentro di me.
Il tumulto economico che ha colpito il mio amato paese è stato accompagnato da un fenomeno insidioso, quello dell'etichettatura nazionale.

La gente ha iniziato a giudicare e categorizzare gli individui in base esclusivamente alla loro nazionalità greca, attribuendo colpe e facendo generalizzazioni radicali su un'intera popolazione. Agli occhi del mondo, eravamo ridotti a semplici stereotipi, sostenendoci il peso delle lotte di una nazione, indipendentemente dalle nostre circostanze o dai nostri contributi individuali.
Ciò che mi ha davvero segnato, però, è stato il razzismo emerso da questa etichettatura nazionale.

Da giovane, cercando di dare un senso al mondo e al mio posto in esso, ho provato in prima persona il pungiglione del pregiudizio e della discriminazione. Improvvisamente, sono diventato bersaglio di parole offensive, esclusione e giudizio semplicemente a causa della mia eredità greca.

I rapporti che avevo amato sono cambiati durante la notte, lasciandomi isolato e scoraggiato. Mentre affrontavo le dure realtà del razzismo, ho giurato di elevarmi al di sopra per dimostrare che il mio valore e la mia identità non erano definiti dalle circostanze economiche del mio Paese.

Ho fatto una scelta consapevole di cancellare l'amarezza persistente di quegli anni e abbracciare le lezioni che mi avevano insegnato. Mi hanno insegnato l'empatia e quanto sia importante vedere oltre le etichette e capire le realtà complesse che plasmano gli individui.
Rimpiango profondamente qualsiasi ferita o offesa che le mie parole possano aver causato.

È fondamentale ricordare che ognuno di noi ha punti di vista e interpretazioni diversi, è attraverso il dialogo aperto e la comprensione che possiamo colmare le lacune e favorire connessioni autentiche.
Andando avanti, mi impegno ad essere più consapevole delle mie parole e dell'impatto che possono avere.

Credo fermamente nella promozione dell'inclusività e nella celebrazione della diversità. Spero che possiamo intraprendere conversazioni rispettose che consentano opinioni divergenti mantenendo empatia e rispetto reciproco.
Grazie per avermi dato l'opportunità di chiarire la mia posizione e le mie intenzioni.

La vostra comprensione e il vostro sostegno sono molto importanti per me. Continuiamo a custodire il nostro amore condiviso per lo sport, celebrando la bellezza e la passione che portano nella nostra vita.

Nick Kyrgios
SHARE