Becker mette in guardia Novak Djokovic: "Se lo facesse sarebbe un grave errore"

L'ex leggenda del tennis tedesco dà un importante suggerimento al numero uno al mondo

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Becker mette in guardia Novak Djokovic: "Se lo facesse sarebbe un grave errore"

Novak Djokovic ha conquistato appena 5 giorni fa il suo terzo titolo al Roland Garros, 23esimo slam della sua incredibile carriera. Il serbo ha scavalcato Rafael Nadal nel computo totale dei major, proprio dove lo spagnolo ha costruito il suo regno.

Un risultato incredibile che però non appaga ancora il tennista di Belgrado, che ha ancora altri risultati prestigiosi da inseguire, primo fra tutti il tanto sognato Calendar Grande Slam, impresa riuscita nella storia solo a Rod Laver, e che lui stesso ha sfiorato due anni fa, prima di arrendersi in finale all’ultimo atto a Daniil Medvedev, a New York.

Boris Becker, leggenda del tennis tedesco, in esclusiva al podcast Das Gelbe vom Ball di Eurosport, ha parlato proprio di questo obiettivo, che sta perseguendo Nole, ma la cui strada per il raggiungimento è ancora lunga: “Sarebbe un errore, dal suo punto di vista, renderlo evidente ora.

Perché sapete cosa è successo l'ultima volta: Ne ha vinti tre, era in finale e poi non ha retto alla tensione nervosa”, ha spiegato.

Il parere di Boris Becker

Secondo il 6 volte campione slam, Djokovic dovrebbe concentrarsi un passo alla volta.

"Dovrebbe concentrarsi solo su Wimbledon. , il calendario del Grande Slam in un anno, forse è l'unico ancora in sospeso. Al 100% ci sta pensando, ma spero che non ne parli e che si limiti ad andare sull'erba, a cercare di vincere Wimbledon adesso, e poi prima o poi arriveranno gli US Open. Come atleta, penso che sia un errore parlare troppo forte dei grandi obiettivi, dire al pubblico cosa si sta facendo.

Parlarne a lungo dopo una vittoria va bene, ma prima di una vittoria spesso è un errore, e spesso non si vince". ha suggerito. Becker poi si è interrogato sul futuro del numero uno al mondo, che una volta terminato l’anno, potrebbe pensare realmente ad un futuro lontano dal tennis: "Penso che a Wimbledon sia ancora in uno stato di euforia, è al settimo cielo e per me è il chiaro favorito.

Ma poi arriverà la pausa estiva, e dovrà chiedersi quando avrà 23 Grandi Slam, o 24 con la vittoria di Wimbledon: "Quanto ancora potrà continuare il mio viaggio?". A questa domanda ha in parte risposto anche dopo la conferenza stampa, secondo il motto: "Quando smetterò di vincere, allora la domanda si porrà".

Ma finché continuerà a vincere, finché giocherà ancora per i grandi titoli, continuerà ad andare avanti. A un certo punto, la generazione più giovane lo supererà, ma non credo che questo accadrà ancora per un po", ha infine concluso. Photo Credit: LaPresse.

Novak Djokovic
SHARE