Yannick Noah: "Djokovic non mi dispiace, ma Federer e Nadal hanno più carisma"

L'ex tennista, presente a Parigi per l'ultimo Roland Garros, ha spiegato i Big Three e non solo

by Martina Sessa
SHARE
Yannick Noah: "Djokovic non mi dispiace, ma Federer e Nadal hanno più carisma"

In questa edizione del Roland Garros, a premiare Novak Djokovic per la vittoria del suo terzo titolo a Parigi è arrivato Yannick Noah, ex tennista francese e vincitore dell’Open di Francia nel 1983. Nella capitale francese, oltre la premiazione ha fatto parte di un’esibizione, dove ha giocato in coppia con Mats Wilander, l’avversario che sconfisse trent’anni fa sul campo principale del torneo del Grande Slam francese.

Intervistato da La Nacion, l’ex tennista e coach ha parlato del tennis attuale e soprattutto dei Big Three. “Sono tre personalità diverse. Federer era un artista. È molto difficile sopravvivere in uno sport così potente e forte essendo un artista, che è una virtù di Roger.

Questo è qualcosa che ammiro. Ha fatto cose con la racchetta che non ho mai visto. Rafa, dei tre, è quello che mi piace di più, perché rispettava i raccattapalle, gli addetti ai trasporti, le persone quando non ci sono le telecamere.

Rafa ha vinto 22 Slam e quando lo vedi è sempre lo stesso umile ragazzo di sempre. Per questo, tra i tre, è il mio preferito. Djokovic? Non mi dispiace, ma gli altri due hanno più carisma. Non sono attratto da lui.

Quando vince un match point non mi connetto con lui”, ha dichiarato il francese.

L’erede di Noah

Sebbene i Big Three siano ancora in voga per quanto riguarda l’opinione pubblica, il nuovo avanza e questo nuovo è trascinato da Carlos Alcaraz.

“Non l'ho visto molto, voglio vederlo di più, ma penso che sia un mini Nadal. Sto aspettando che nel tennis appaiano sei o sette giocatori che offrano qualcosa di nuovo. Sto cercando il Michael Jordan del tennis, con strumenti e carisma”, ha detto l’ex numero tre del mondo, che poi ha parlato del suo erede: “Kyrgios, mi piace.

Vorrei che avesse voglia di concentrarsi e giocare di più. Quando è al suo apice, dà qualcosa. Anche Gael Monfils potrebbe farlo”. Photo credits: AFP

Roland Garros
SHARE