Seyboth batte Medvedev ma si sfoga a fine match: "Non devi chiederlo a nessuno"

Il brasiliano declina una domanda e se la prende con il giornalista in conferenza stampa al Roland Garros

by Luca Ferrante
SHARE
Seyboth batte Medvedev ma si sfoga a fine match: "Non devi chiederlo a nessuno"

L'eroe di giornata dopo aver portato a casa un'impresa grandiosa e inaspettata. Thiago Seyboth Wild ha eliminato la testa di serie numero 2 del tabellone principale al Roland Garros, niente meno che il numero uno della Race Daniil Medvedev.

Un risultato prestigioso per il tennista brasiliano che si è fatto conoscere da tutto il mondo del tennis con questo importante successo. In conferenza stampa però il giocatore non ha dovuto rispondere soltanto a quesiti sulla partita e sulla storica affermazione; questo aspetto lo ha fatto infuriare e scaldare non poco coi media e in particolare con il giornalista che gli ha posto la 'scomoda' domanda.

Secondo quanto riportato dai media brasiliani (Uol Esporte) Seyboth è stato incriminati nel giugno 2022 dal Pubblico Ministero di Rio per violenza domestica e psicologica contro la sua ex moglie. Da allora però non ci sarebbero state conseguenze in termini di sentenze.

Sul tema l'atleta non si è espresso ma ha commentato: "Non credo sia un argomento di cui dovremmo parlarne proprio qui. Credo sia una domanda che non dovresti fare a nessuno. Non credo che spetti a te decidere se è un posto in cui parlare di questo o meno".

E ancora: "Puoi scrivere quello che vuoi. A proposito, non sono mai stato sposato. Va bene?".

Grande impresa di Seyboth

"Penso di aver dimostrato a me stesso che il duro lavoro è l'unico modo per avere successo in qualsiasi cosa.

non ho davvero parole per descrivere quello che ho provato quando ho vinto la partita. Ero semplicemente super felice. Sicuramente è stato il giorno più felice della mia vita" ha dichiarato il brasiliano sulla vittoria del debutto.

Il suo idolo? Rafael Nadal. "È solo un ragazzo che ho cercato per tutta la vita. Il modo in cui gioca, lo spirito che mette in campo e il modo in cui vuole vincere, non lo vedi tutti i giorni, anzi non lo vedi in nessuno". Photo credit: Roland Garros.

Roland Garros
SHARE