Trevisan in lacrime: "A Rabat quasi non camminavo. Non dovevo entrare in campo"

La giocatrice azzurra ha parlato del problema al piede destro in conferenza stampa

by Antonio Frappola
SHARE
Trevisan in lacrime: "A Rabat quasi non camminavo. Non dovevo entrare in campo"

Non è stata una delle migliori giornate trascorse da Martina Trevisan su un campo da tennis. La giocatrice italiana è tornata nel luogo che l’ha vista conquistare la sua prima semifinale Slam nel 2022 con la speranza di poter rivivere le stesse emozioni anche senza raggiungere gli stessi risultati.

Una condizione fisica non ottimale e la grande prestazione di una ritrovata Elina Svitolina, però, le hanno impedito di mostrare al pubblico il sorriso che da sempre accompagna ogni suo incontro. L’ucraina non ha mai abbassato la guardia e le ha rifilato un doppio 6-2 in poco più di un’ora di gioco.

Trevisan ha espresso tutta la sua delusione in conferenza stampa, dove si è anche lasciata andare a un pianto dal sapore amaro.

Martina Trevisan in lacrime in conferenza stampa

"Prima di Roma avevo qualche problemino alla spalla che, grazie ai dottori della Federazione, era sembrato che fosse passato, invece poi dopo è ritornato.

Il problema per il quale mi sono ritirata a Rabat è venuto invece fuori proprio lì: io soffro del morbo di Haglund al piede destro, i campi hanno una terra diversa e dopo la partita con la Fett quasi non camminavo" , ha spiegato l'azzurra nelle parole raccolte da Super Tennis.

"Questa è una cosa che mi porto dietro già da settembre dell’anno scorso, che devo tenere sotto controllo ma che non mi stava dando dei segnali per cui dovessi fermarmi. Sulla terra di Rabat si scivola molto e forse il piede ha lavorato in maniera differente…forse non dovevo nemmeno entrare in campo però sono molto testarda e questo mi deve essere di insegnamento per il futuro.

Mi sono allenata solo ieri un’ora: oggi era difficile emotivamente, fisicamente. Ho fatto quello che potevo ma purtroppo si è visto che la mobilità non era al massimo e di fronte a me avevo una campionessa che, anche se diventata mamma da poco, era in fiducia dopo aver vinto un torneo la scorsa settimana. Sarebbe stata difficile anche se fossi stata al 100% " . Photo Credit: La Presse

SHARE