Patrick Mouratoglou difende Simona Halep e attacca duramente l'ITIA

L'allenatore francese si è espresso senza giri di parole sul caso Halep

by Antonio Frappola
SHARE
Patrick Mouratoglou difende Simona Halep e attacca duramente l'ITIA

Lo scorso ottobre, Simona Halep ha svelato di essere stata fermata dall’International Tennis Integrity Agency a seguito della positività al Roxadustat, una sostanza proibita dal regolamento. Il test è stato effettuato agli US Open 2022.

Una delle fasi principali della “battaglia” intrapresa dall’ex numero uno WTA avrebbe dovuto vivere il primo importante capitolo a febbraio, ma il processo è stato rinviato a causa delle nuove accuse mosse contro di lei dall’ITIA.

La rumena è stata sottoposta a un secondo e separato procedimento disciplinare per anomalie del suo passaporto biologico. Patrick Mouratoglou, attuale allenatore di Simona Halep, ha deciso di uscire allo scoperto e di difendere la propria allieva.

Le accuse contro l’ITIA, in questo caso, sono gravi.

Mouratoglou difende Simona Halep e attacca l'ITIA

“Innanzitutto, voglio dire che avevo programmato di stare alla larga da qualsiasi commento pubblico sul caso di Simona Halep poiché credevo davvero che l'ITIA avrebbe condotto un'indagine corretta per stabilire la verità.

Il fatto di non avere più la stessa sensazione adesso è inquietante, e mi ha spinto finalmente a scrivere queste poche parole. Ho avuto la fortuna di incontrare Simona Halep lo scorso aprile e, da quel momento, lavoriamo insieme.

Voglio spendere due parole su di lei per chi non l'ha mai conosciuta: ho scoperto in Simona una persona molto rara. È gentile, dolce, non prova nessuna gelosia verso nessuno. Ha dedicato tutta la sua vita al tennis. È una passione solo sua.

Ha ricevuto la migliore educazione ricca di valori estremamente forti che custodisce dentro di sé" , ha scritto Mouratoglou sul proprio account Twitter. "La sua onestà è indubbiamente incrollabile. So che in nessuno modo avrebbe mai fatto qualcosa di illegale.

Il sostegno del mondo del tennis per lei è stato fortissimo, perché le persone che la conoscono sono convinte che non avrebbe mai fatto ciò di cui è accusata. Dal giorno in cui l'ITIA l'ha incriminata, sono stato e continuerò a starle accanto ogni singolo giorno per sostenerla nella sua lotta per la verità.

Credo che il tennis abbia bisogno di un sistema antidoping in grado di perseguire gli impostori. Detto questo, sono estremamente scioccato dal modo in cui questo caso è stato condotto. Pensavo che l'ITIA avrebbe perseguito l'obiettivo di stabilire la verità, ma cercano chiaramente di dimostrare che Halep sia colpevole anche se è stata in grado di offrire molteplici prove della sua innocenza dal dicembre 2022.

Quest'ultima accusa che le è stata mossa, totalmente legata al primo caso, è una pura interpretazione del suo passaporto biologico. In altre parole, l'ITIA non ha trovato alcuna sostanza illegale nel suo sangue, ma si limita a dichiarare che i suoi parametri ematici sono sospetti.

Rinomati esperti che li hanno controllati, hanno stabilito che questa affermazione è totalmente sbagliata e un'interpretazione distorta. Simona ha espresso chiaramente la volontà di non ricevere alcun trattamento speciale ma la semplice applicazione delle norme.

Per questo chiedo all'ITIA di porre fine a queste molestie inconcepibili e di smettere di rinviare costantemente l'udienza che avrebbe dovuto tenersi a febbraio e che ora è prevista per la fine di maggio” . Photo Credit: AFP

Patrick Mouratoglou Simona Halep
SHARE