Sabalenka è realista: "Non mi sento una delle favorite per il Roland Garros"

La bierlorussa, fresca vincitrice a Madrid parla dei prossimi impegni

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Sabalenka è realista: "Non mi sento una delle favorite per il Roland Garros"

Aryna Sabalenka ha conquistato sabato il prestigioso Wta di Madrid, battendo in finale l’acerrima nemica, nonché numero uno Iga Swiatek. Il duello tra le due risulta essere quanto mai intrigante. Il 2023 attesta la bielorussa come la più seria candidata a contendere alla polacca il trono più alto del ranking.

Dal titolo agli Australian Open, alle finali perse a Indian Wells e Stoccarda, fino ad arrivare al successo di Madrid. Un percorso netto che rende la 25enne di Minsk una delle favorite anche per il Roland Garros. Il suo rapporto con la terra battuta ha richiesto un po' di tempo prima di diventare 'amichevole', ma Sabalenka stessa, usa profilo basso e non si considera la favorita allo slam parigino: “Non mi sento così, ma lo desidero.

Continuerò a lavorare duramente e a cercare di dare il mio miglior tennis a Roma e al Roland Garros. Alla fine di questo tour vedremo come mi sono comportata sulla terra battuta, se sono stata brava su questa superficie o se sono stata solo fortunata nelle ultime settimane", ha dichiarato.

Poi sulla rivalità con Swiatek "Ricordo ogni singola gara e allenamento che ho fatto prima di qui. È stato davvero difficile per me prepararmi e adattarmi a queste condizioni, ma se volevo battere Iga non avevo scelta, dovevo continuare a gareggiare, dovevo continuare a spingermi su ogni palla.

Per questo la rispetto così tanto, tutto ciò che fa nel mondo del tennis mi motiva molto. Prima di tutto, è sempre difficile affrontarla fisicamente, ma forse lo è ancora di più mentalmente.

Senti che non hai spazio per abbassare il livello in nessuna partita, devi rimanere al massimo con lei" , ha confessato. infine sulla sua stagione da sogno "Se qualcuno mi avesse detto che sarei stata una campionessa del Grande Slam, che sarei stata la numero 2 al mondo e che avrei vinto titoli sulla terra battuta in questa fase della mia carriera, sono sicura che avrei pensato.

Non lo so, c'è molto lavoro da fare, non sono sicura di poter fare tutto questo. Ma non ci ho mai pensato, e credo che questa sia stata la chiave. Mi sono sempre concentrata a lavorare sodo e a continuare a migliorare, analizzando molto il mio tennis.

Ho lavorato duramente fin dal mio primo incontro di FedCup, e guardando indietro sono molto orgogliosa di me stessa e della mia squadra, di quello che abbiamo fatto insieme in questi anni", ha concluso Photo Credit: Wta

Roland Garros
SHARE