Boris Becker e l'esperienza in carcere: "Hanno cercato di uccidermi"

L'ex campione tedesco ha parlato della sua esperienza presso il penitenziario di Huntercombe

by Antonio Frappola
SHARE
Boris Becker e l'esperienza in carcere: "Hanno cercato di uccidermi"

Lo scorso 21 febbraio, Boris Becker ha presentato il documentario dedicato alla sua carriera al 73° Festival Internazionale del film di Berlino. “Boom! Boom! The World vs. Boris Becker “ . Il titolo del prodotto cinematografico, che uscirà sulla piattaforma Apple TV il 7 aprile, rivela subito le intenzioni di non parlare solo ed esclusivamente dei successi che hanno caratterizzato il cammino tennistico dell’ex campione tedesco, ma anche delle vicende extra campo di cui si è parlato molto negli ultimi anni.

Becker è stato infatti condannato a due anni e mezzo di carcere per bancarotta fraudolenta e ha scontato parte della sua pena presso l’HMP Wandsworth. Il caso riguardava un debito contratto anni fa nei confronti della banca privata Arbuthnot Latham & Co e altri finanziatori.

Becker e il carcere: "Hanno cercato di uccidermi"

Alla CNN, Becker ha descritto senza giri di parole uno dei momenti più duri della sua vita. "Apprezzi la libertà solo dopo essere stato incarcerato, lascia che te lo dica.

È uno stile di vita diverso, è un mondo diverso. Sono fuori ormai da più di tre mesi e sono felice di essere qui vivo e di parlare con te" , ha spiegato Becker alla giornalista Christiane Amanpour. "È un posto molto pericoloso.

Ho visto un paio di film in anticipo solo per prepararmi un po', ma non me l'aspettavo così. È molto spaventoso. È una vera punizione. L'unica valuta che hai è il tuo carattere e la tua personalità - letteralmente - ed è meglio che tu faccia amicizia con i ragazzi forti perché hai bisogno di protezione, hai bisogno di un gruppo di persone che si prendano cura di te" .

In un'intervista alla tv tedesca Sat1 ha poi aggiunto: "Hanno cercato di uccidermi. Ho imparato a vivere nel presente, perché non sai cosa troverai dietro l'angolo la prossima settimana. Penso che questa sia stata la lezione più importante per me" . Photo Credit: Reuters

Boris Becker
SHARE