Kostyuk non stringe la mano alla russa Potapova e attacca ancora la WTA

La giocatrice ucraina ha attaccato nuovamente la WTA

by Antonio Frappola
SHARE
Kostyuk non stringe la mano alla russa Potapova e attacca ancora la WTA

Marta Kostyuk ha sfidato Anastasia Potapova al secondo turno del torneo WTA 1000 di Miami. Considerando quanto accaduto la scorsa settimana a Indian Wells, quando la giocatrice russa ha indossato la maglia dello Spartak Mosca prima di scendere in campo, e la linea sposata dall’ucraina sulla guerra in corso nel suo Paese; ci si aspettava probabilmente un match più combattuto, almeno dal punto di vista delle motivazioni.

Così non è stato, perché Potapova ha dominato l’incontro e rifilato un netto 6-1, 6-3 alla rivale. Kostyuk ha deciso ancora una volta di non stringere la mano a una giocatrice russa e, al termine della disputa, ha rincarato la dose.

Kostyuk attacca duramente la WTA

L’ucraina ha attaccato nuovamente la WTA, che a suo dire non starebbe prendendo una netta posizione nel circuito contro russi e bielorussi. “Volevamo una riunione con il Consiglio WTA, ma non abbiamo ottenuto nessun confronto.

Non c’è stata nessuna risposta, solo silenzio. Penso che in una riunione potremmo parlare di quello che sta accadendo. Ci sono molte cose su cui non sono d’accordo con la WTA, questo non cambierà nulla” .

Potapova ha ricevuto un’ammonizione dalla WTA dopo il gesto compiuto in California. Kostyuk ha così commentato il suo caso. “Parlando riceverei solo più odio sui social. Qualsiasi cosa dica… Ha ricevuto un avvertimento, ma potresti punirla con una sospensione.

Non posso commentare davvero. È molto divertente” . Ad accendere gli animi ci hanno pensato le dichiarazioni rilasciate da Lesia Tsurenko dopo il ritiro a Indian Wells. L'ucraina ha dato forfait a poche ore dalla partita contro la bielorussa Aryna Sabalenka a causa di un attico di panico.

"Facevo fatica a respirare. Pochi giorni fa ho avuto una discussione con il Ceo della Wta Steve Simon e sono rimasta scioccata da quanto mi ha detto. Simon mi ha spiegato che vorrebbe che ai russi e ai bielorussi fosse data la possibilità di partecipare alle Olimpiadi" . Photo Credit: USA Today Sports

SHARE