Elina Svitolina, polemica contro i russi: "Non è giusto che continuino a giocare"

La tennista ucraina ha commentato il divieto revocato da Wimbledon, tornando a parlare della brutalità della guerra

by Luca Ferrante
SHARE
Elina Svitolina, polemica contro i russi: "Non è giusto che continuino a giocare"

Elina Svitolina ha criticato la recente decisione di Wimbledon di revocare il divieto ai tennisti russi e bielorussi, che dunque potranno prendere parte al terzo Grande Slam della stagione. La tennista ucraina in un'intervista rilasciata a Daily Mail, ha dichiarato in modo piuttosto critico: "Non dovrebbe essere così secondo me, quello che il torneo ha fatto l'anno scorso è stata la decisione giusta.

Quest'anno è tutto cambiato ed è molto triste perché la guerra è ancora terribile, l'esercito russo sta ancora uccidendo un sacco di persone innocenti. Non è fair play" ha sottolineato. Poi ha aggiunto sul tema: "Penso che ci sia solo un posto dove mi allenavo ancora.

Il luogo in cui mi sono allenato di più è stato spazzato via da un missile. Il nostro sport è stato arretrato di almeno dieci anni. I nostri non possono allenarsi correttamente e ci sono 150 atleti che sono stati uccisi combattendo in prima linea.

È ovvio che non sono condizioni eque" ha dichiarato. Svitolina ha attaccato l'attuale politica di Atp, Wta e Itf: "La guerra ha avvicinato i giocatori ucraini. E siamo tutti d'accordo sul fatto che non è giusto per noi che russi e bielorussi continuino a giocare.

Altri sport, quelli olimpici, non permettono agli atleti russi di competere, è praticamente solo il tennis che li consente e non so perché sia ​​così. Mentalmente è molto difficile sapere che forse ci sono alcuni giocatori con te nello spogliatoio che stanno sostenendo la guerra.

Poiché la maggior parte di loro non è uscito con una dichiarazione chiara, non si sa mai cosa stiano realmente pensando" ha spiegato.

Svitolina racconta la guerra

L'ex numero tre del mondo ha poi raccontato nell'intervista: "Anche se è stato per molti versi commovente tornare, è stato triste vedere Odessa così.

È difficile per mia nonna uscire, perché l'ascensore non funziona dove vive. Odessa era un posto incantevole dove le persone andavano in vacanza, normalmente c'è un'atmosfera molto rilassata ma ora è molto triste.

Ci sono molti militari per le strade e il 95% del posto è senza luci. Solo a volte c'è il caldo ed è stato incredibilmente difficile per le persone in pieno inverno, quando c'erano meno cinque o meno dieci gradi” ha concluso.

Elina Svitolina Wimbledon
SHARE