"Non è un mio problema": Camila Giorgi spegne le polemiche sulla vaccinazione Covid

La tennista ha debuttato con una vittoria e ha fatto chiarezza

by Mario Tramo
SHARE
"Non è un mio problema": Camila Giorgi spegne le polemiche sulla vaccinazione Covid

Buona la prima agli Australian Open 2023 per Camila Giorgi. La tennista azzurra ha letteralmente dominato, lasciato poco o nulla alla russa Pavlyuchenkova, ormai in declino evidente e distrutta senza storia. Un 6-0;6-1 in meno di un'ora di gioco, una sfida netta con la tennista azzurra che ha guadagnato il pass per il secondo turno.

Non ci sarà nessun derby però al prossimo turno visto l'eliminazione nella notte di Martina Trevisan, sconfitta nella notte con un netto 6-3;6-2 dalla slovacca Schmiedlova. Nella conferenza stampa post partita Camila ha discusso però non solo del match ma anche delle ultime indagini legate al vaccino con la dottoressa di Camila che è indagata in Italia per presunte false vaccinazioni (tra l"altro anche della cantante Madame).

Riguardo il suo debutto la Giorgi ha chiarito: "Penso sia stata una grande partita. Ho disputato un bel match e ho avuto grandi sensazioni. Sono davvero felice di essere tornata qui in Australia".

Camila Giorgi e le polemiche sui vaccini

Non potevano mancare appunto le domande sulla questione vaccinale con la Giorgi che affrontava la prima sfida dopo le polemiche delle ultime settimane in Italia.

La tennista azzurra ha però lanciato messaggi netti e decisi facendo una volta e per tutte chiarezza: "In Italia hanno fatto segnalazioni sul mio status vaccinale ma lo hanno fatto prima di conoscere la situazione.

La dottoressa è stata indagata ed ha avuto problemi con la legge. Io dal canto mio ho fatto tutte le vaccinazioni possibili in posti differenti, è un problema della dottoressa non il mio. Quindi sono molto tranquilla riguardo questa situazione.

Se non fosse stato così non sarei potuta venire qui in Australia a giocare, almeno credo. Non sono affatto in pericolo e non ho guai da difendere. Ho fatto tutto quello che il Governo australiano chiedeva". Poi ha proseguito: "Non sapevo del passato della dottoressa, lei ha oltre 300 persone con cui ha collaborato, ma io ho fatto una vaccinazione con lei e poi ne ho fatte altre con altri medici.

Ripeto, è un suo problema". I giornalisti hanno poi proseguito ripetendo più volte la domanda, la Giorgi è apparsa un po' infastidita ma ha risposto a tutti ed ha fatto chiarezza.

Photo Credit: Official Wta Toronto

Camila Giorgi
SHARE