Camila Giorgi tra le indagate per vaccinazioni false? Spunta l'inchiesta

La tennista marchigiana sarebbe accusata di falso ideologico

by Luca Ferrante
SHARE
Camila Giorgi tra le indagate per vaccinazioni false? Spunta l'inchiesta

La notizia è stata lanciata proprio in queste ore e ha inevitabilmente attirato l'attenzione del mondo dello sport e della musica. Si attendono ora approfondimenti e aggiornamenti sulla vicenda, che confermino o smentiscano le ultime novità.

Ci sarebbe anche la tennista marchigiana Camila Giorgi tra le indagate nell'inchiesta aperta dalla Procura di Vicenza. Secondo quanto emerso e riportato da 'Il giornale di Vicenza', l'azzurra avrebbe solo finto di essersi vaccinata contro il Covid-19, con l'intento di ottenere comunque il green pass e non avere limitazioni di spostamento, oltre a partecipare regolarmente ai tornei del circuito Wta che richiedevano espressamente la somministrazione.

Indagine aperta

Tutto è nato dallo scorso mese di febbraio, quando la Procura di Vicenza ha condotto un'inchiesta che ha portato all’arresto di tre medici, tutti accusati di vari reati come corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e peculato.

A distanza di diversi mesi, l'attenzione si è spostata anche sui clienti dei dottori no-vax e l'autorità giudiziaria ha scoperto il coinvolgimento della giocatrice italiana e della cantante Madame, che ha partecipato anche al Festival di Sanremo nel 2021.

Il reato ipotizzato a carico di entrambe sarebbe quello di falso ideologico, ovvero aver attestato falsamente al pubblico ufficiale (in questo caso, il medico) in atto pubblico fatti dei quali l'atto è destinato a provare la verità (ossia, la somministrazione della vaccinazione anti-Covid).

L'indagine della Squadra mobile di Vicenza era scattata dopo diverse segnalazioni: i funzionari si erano soprattutto insospettiti per il consistente numero di vaccini richiesti dallo studio. Secondo quanto scritto da 'Il giornale di Vicenza', l'artista era assistita da tempo da uno dei tre medici arrestati a febbraio, mentre per quanto riguarda Camila Giorgi non risultano al momento legami con la provincia di Vicenza (un aspetto che sicuramente avrà bisogno di approfondimenti).

Intanto, le carte dell'inchiesta sarebbero già state trasmesse alla Federazione italiana tennis: a differenza del mondo dello spettacolo, quello dello sport potrebbe portare a conseguenze più severe per l'atleta, che vedeva nel green pass un atto necessario per alcune tappe tennistiche. Ulteriori novità sono attese in questi giorni o nelle prossime settimane.

Camila Giorgi
SHARE