'È stata la prima a chiamarmi': Wozniacki rende omaggio a Serena Williams

Il 2022 è stato l'anno dei grandi ritiri

by Simone Brugnoli
SHARE
'È stata la prima a chiamarmi': Wozniacki rende omaggio a Serena Williams

Il 2022 ha sancito la definitiva esplosione di Carlos Alcaraz, ma verrà ricordato anche come l’anno dei grandi ritiri. Leggende del calibro di Roger Federer, Serena Williams, Juan Martin del Potro e Ash Barty hanno salutato il circuito per iniziare una nuova fase della loro vita.

L’australiana ha annunciato il ritiro poco dopo aver vinto gli Australian Open, mentre Federer e del Potro si sono resi conto di non poter più competere ai massimi livelli. Lo svizzero ha disputato il suo ultimo match ufficiale al fianco del suo storico rivale Rafael Nadal alla Laver Cup, l’esibizione da lui stesso fondata nel 2017.

Il 20 volte campione Slam ha ricevuto uno splendido tributo al termine dell’incontro, utile a certificare l’enorme impatto che il Maestro ha avuto su questo sport negli ultimi due decenni. Serena, dal canto suo, ha scelto gli US Open come ultimo torneo della sua carriera.

A dire il vero, l’americana non ha mai pronunciato la parola ‘ritiro’ e non è da escludere che possa tornare a giocare in futuro.

Wozniacki rende omaggio a Serena

In una lunga intervista rilasciata a ‘Tennis Channel’, Caroline Wozniacki ha speso bellissime parole per Serena Williams: “È una persona meravigliosa.

Non soltanto è la più grande giocatrice di tutti i tempi, ma ha avuto anche il merito di elevare lo sport femminile. Ha spinto me e tutte le altre ragazze a giocare meglio e a cambiare marcia per riuscire a starle dietro.

Serena è eccezionale anche fuori dal campo. È stata la prima persona a chiamarmi quando stavo attraversando un momento difficile, voleva assicurarsi che stessi bene. Le voglio molto bene”. Patrick Mouratoglou è scettico sul possibile ritorno di Serena: “Se vorrei rivederla giocare? Tutti lo vorrebbero, è una leggenda di questo sport.

Tuttavia, si divertirà solo se sarà abbastanza competitiva. Per essere speciali in qualcosa – e lei lo è stata – bisogna essere anche un po’ ossessivi. È necessario essere focalizzati al 100% su quell’attività.

Altrimenti – anche se sei un genio del tennis – diventa complicato. Ad ogni modo, nessuno dimenticherà ciò che ha portato al tennis”. Photo credit: Getty Images

Serena Williams
SHARE