Davis Cup, Volandri: "Ci siamo andati vicini, un miracolo vedere Berrettini in campo"



by   |  LETTURE 6772

Davis Cup, Volandri: "Ci siamo andati vicini, un miracolo vedere Berrettini in campo"

Tanto rammarico e un'impresa compiuta solo a metà. L'Italia di Filippo Volandri partiva nettamente sfavorita prima della sfida contro il Canada (così come contro gli Stati Uniti), ma è sembrata ad un passo dall'impresa e dallo sfiorare la finale contro la meno temibile Australia.

Gli azzurri, dopo aver vinto il primo match con uno straordinario Lorenzo Sonego, sono caduti nel secondo singolare e soprattutto nel doppio dove c'era grande attesa. A sorpresa però Volandri ha schierato Matteo Berrettini, rientrato in extremis a Malaga ed in campo a causa dell'ennesimo infortunio, stavolta di Simone Bolelli.

Inizialmente c'erano state polemiche per la scelta di schierare Berrettini nel doppio, ma subito è stato chiarito dall'infortunio a Bolelli e il ct azzurro ha provato a schierare il talento romano, già in passato impegnato nel doppio con Fognini.

Ci saranno critiche ma entrambi hanno dato il massimo ed è arrivata una sconfitta anche per un Felix indiavolato.

Le parole di Volandri nel post partita

Il commissario tecnico azzurro Filippo Volandri ha parlato nel post partita ai microfoni di Sky Sport ed ha spiegato le sue sensazioni dopo l'eliminazione in semifinale: "Ci siamo andati vicini, ora è solo testa di pensare al futuro.

Bolelli aveva problemi e probabilmente non sarebbe riuscito a finire il match, ai ragazzi dirò che abbiamo fatto la scelta giusta. È ora di ricompattare il gruppo". Poi l'analisi del match contro il Canada e gli elogi per Felix Auger Aliassime: "Partivamo sfavoriti in entrambi i singolari, poi Sonego ha disputato una sfida mostruosa.

Felix vive un momento di forma straordinario, ogni cosa che tocca luccica come l'oro. Per il doppio ho chiesto a Matteo di provarci, già è un miracolo che è sceso in campo, ha fatto una grande prova nonostante la sconfitta".

Grande rammarico con Volandri che deve pensare al futuro, magari con un singolare con Jannik Sinner e Matteo Berrettini in più e una formazione da tenere salda ai piani alti e con l'obiettivo futuro di tornare nuovamente, dopo tanti anni, in finale di Coppa Davis. Photo Credit: Getty Images