Durissimo attacco alla nuova Davis: "Hanno ceduto ai soldi e al potere"



by   |  LETTURE 2408

Durissimo attacco alla nuova Davis: "Hanno ceduto ai soldi e al potere"

Siamo ormai giunti alle fasi finali della stagione. Pochi giorni fa la stagione Atp si è conclusa con le Finals Atp dove ha trionfato per la sesta volta in carriera il tennista serbo Novak Djokovic. In questi giorni ora si stanno disputando le Final Four di Coppa Davis, evento che si tiene a Malaga e che vede protagonisti anche l'Italia di Filippo Volandri.

Attorno a questa competizione ci sono state grosse polemiche per il nuovo format, e per il fatto che ci sono solo due tennisti della Top Ten alle Finali. Con l'arrivo della Kosmos la nuova Davis ha cambiato diverse cose e in tanti hanno criticato il format.

Il presidente della federazione francese Gilles Moretton ha rilasciato interessanti dichiarazioni ai microfoni dell'Equipe ed ha duramente attaccato il mondo del tennis.

Moretton e le parole sulla nuova Davis e su Piqué

Il dirigente transalpino ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "La competizione ormai è definita e visto come l'ITF ha organizzato tutto per noi è impossibile crescere ed avanzare nel mondo del tennis.

Non c'è alcuna trasparenza nell'ITF, conosciamo a malapena i dettagli per cui Kosmos ha acquisito la direzione del torneo e non abbiamo idea di come si può uscire da questo accordo. C'è il rischio che nonostante il tennis mondiale non riesca a cogliere alcun sviluppo noi siamo costretti a restare legati a tutto ciò"

Moretton ha continuato spiegando che al momento nessuno accoglie le iniziative di promozione della federazione, non è stata accettata neanche la proposta di integrare il paddle al tennis. Morettin ha continuato: "L'ITF dovrebbe concentrarsi sulla promozione del tennis, penso che la precedente Coppa Davis aveva gli strumenti per promuovere il nostro sport, molto di più rispetto a questa Davis.

La realtà è che il mondo del tennis si è arreso al potere di seduzione del denaro" Ennesimo duro attacco per un format che non è ancora gradito da tutti. Photo Credit: Reuters