Presidente Federazione polacca accusato di abusi: Swiatek-Hurkacz prendono posizione



by   |  LETTURE 1749

Presidente Federazione polacca accusato di abusi: Swiatek-Hurkacz prendono posizione

Una bufera ha travolto l’attuale presidente della Federazione polacca di tennis Mirosław Skrzypczyński nelle ultime settimane. Lo scorso ottobre, il portale Onet ha aperto un’inchiesta su presunti abusi e violenze attuati da Skrzypczynski, anche nei confronti di tenniste minorenni, quando lavorava come allenatore presso il Energetyk Gryfino Club negli anni Novanta.

L’uomo si è dichiarato innocente e ha espressamente chiesto al giornale che ha portato avanti l’inchiesta di pubblicare nomi e cognomi delle fonti che hanno alimentato la vicenda. Una nuova denuncia verbale è stata mossa da Katarzyna Kotula, deputata del Parlamento polacco.

La donna, come una ex tennista che ha preferito non rivelare la propria identità, ha dichiarato di aver subito violenze e abusi in più di un’occasione. “Mi ha aggredita almeno una dozzina di volte nell’arco di tre anni.

Ero una ragazzina, avevo 13 anni. Era un predatore” . I due massimi esponenti del tennis polacco, ovvero la numero uno del ranking WTA Iga Swiatek e Hubert Hurkacz, hanno deciso di prendere posizione e sono usciti allo scoperto.

Swiatek e Hurkacz contro il presidente della federazione polacca

“In quanto leader del tennis femminile, non posso rimanere in silenzio. Apprezzo la libertà di decidere se voglio o non voglio parlare di un determinato argomento.

Ho sempre deciso in base alla mia sensibilità, conoscenza, ai miei limiti e alla forza che posseggo per sostenere le persone che soffrono. Per questo so che, quando si tratta di violenza fisica o abuso emotivo, è più importante pensare ed essere sensibili nei confronti delle vittime.

Quando parliamo di qualcosa che non va, dobbiamo pensare prima di tutto a loro. Sto cercando di farlo nel modo migliore" , ha scritto la tennista polacca sul proprio account Twitter. "Sono contro la violenza nello sport, nel tennis, in ogni disciplina e nella vita di tutti i giorni.

Per questo considero gli articoli sul presidente della Federazione tennis polacca una questione seria. Gli organismi che governano il tennis dovrebbero determinare cosa sia successo, e spero che si occupino di questa storia dopo le confessioni pubblicate sui media.

Svolgere il lavoro degli organi di governo e dei giornalisti non è il mio ruolo, poiché la questione è troppo seria e riguarda la vita e la salute delle persone. Quello che sento di poter fare è incoraggiarvi a cercare aiuto quando succede qualcosa di brutto nelle comunità sportive e in ogni situazione della vita in cui c'è la possibilità che qualcuno possa subire violenza fisica o abuso emotivo.

Se qualcuno ne soffre, la cosa più importante è prendersi cura di se stessi e cercare sostegno. Questa è una cosa che posso fare e questo è il modo in cui posso utilizzare la mia influenza. Personalmente, sono stata fortunata e non ho affrontato esperienze così dure.

Sono privilegiata e ho una squadra fantastica, ma so che non tutti gli atleti possono godere della stessa indipendenza. Mi auguro che attraverso l'esposizione di queste storie, e l'attenta soluzione delle vicende, lo sport possa cambiare in meglio in Polonia" .

Anche il messaggio di Hurkacz è chiaro e inequivocabile.

“Sostengo tutte le donne e tutte le vittime di abusi. Nessun allenatore o tutore dovrebbe usare il proprio potere e la propria posizione nei confronti di nessuno. Qualsiasi aggressione, sia nello sport che al di fuori di esso, deve essere condannata e punita.

Spero che le autorità competenti reagiscano ai resoconti della stampa sulla vicenda che ha coinvolto il presidente della Fedeazione polacca. Mirostaw Skrzypczynski” .