Medvedev alza la voce: "Non potete paragonarmi a Djokovic, Federer e Nadal"



by   |  LETTURE 6448

Medvedev alza la voce: "Non potete paragonarmi a Djokovic, Federer e Nadal"

Daniil Medvedev ha onorato il suo ultimo impegno alle ATP Finals di Torino giocando un tennis di altissimo livello e dimostrando di possedere una invidiabile forma fisica. Tutto questo, però, non è bastato a fermare Novak Djokovic.

Il serbo ha lottato fino all’ultimo 15 nonostante avesse già conquistato l’accesso alle semifinali e ha chiuso la sfida disputando un favoloso tie-break. Il russo ha perso tutti e tre gli incontri di Round Robin al tie-break del set decisivo e in ben due occasioni si e ritrovato a servire per il match.

Medvedev: "Non posso essere paragonato a Djokovic, Federer e Nadal"

“Aspetti positivi? Nessuno. Questa è la mia risposta. È stata una grande battaglia, ma non riesco a trovare degli aspetti positivi.

Djokovic, insieme a Rafael Nadal e Roger Federer, gioca una competizione a parte. Poi c’è il resto. Un giorno, forse, qualcuno proverà a raggiungere il loro numero di Slam. Allora potremmo parlare delle differenze.

Non mi colloco in questa categoria" , ha spiegato Medvedev in conferenza stampa. "Abbiano giocato alcuni match molto duri. Lui è avanti negli scontri diretti. Questo è tutto quello che posso dire. Non sono vicino al livello di Novak.

Quando giochiamo, forse. Ma, in generale, non potete paragonarmi a lui o a qualsiasi altro membro dei Big 3. Prima della partita non avevo grandi motivazioni, quindi non è stato facile. Durante il match, però, ho visto che lui stava dando il 100% .

Ho servito per il match in due partite? Facile: ho fatto schifo. Questo è quello che è successo; un disastro. L’unica cosa di cui sono felice è che questo match non contava per la qualificazione, altrimenti avrei perso due partite importanti servendo per chiudere i conti.

Cercherò di fare meglio la prossima volta. Sono fiducioso in vista del 2023. Se non avessi giocato così bene ad Astana e Vienna, avrei un po’ di fiducia in meno. Dopo gli Australian Open, non riesco a trovare grandi risultati, anche se ho disputato qualche finale.

Non ho giocato male, anche perché sono a Torino per le Finals. Ma mi aspetto di più da me stesso. Devo solo continuare a lavorare, ma credo di poter fare altre grandi cose in futuro” . Photo Credit: Getty Images