"La mia mentalità è cambiata": Lorenzo Musetti mette tutti in guardia

Buon inizio dell'azzurro alle Next Gen Atp Finals

by Luca Ferrante
SHARE
"La mia mentalità è cambiata": Lorenzo Musetti mette tutti in guardia

Lorenzo Musetti sta dimostrando notevoli passi in avanti nell'ultima parte di stagione sul cemento, mostrando tanti miglioramenti nel suo affascinante gioco. In vista anche del futuro, l'azzurro è ora chiamato a un compito piuttosto impegnativo e per niente scontato: vincere le Next Gen Atp Finals per rispettare il pronostico della vigilia che lo rileva tra i grandi favoriti, data l'assenza last minute del danese Holger Rune.

L'italiano è partito col piede giusto nella giornata di martedì, battendo in tre set il taiwanese Tseng e muovendo subito la propria classifica nel gruppo rosso. Il nativo di Carrara ha analizzato il debutto a Milano in conferenza stampa, riportata da SuperTennis: "Per me è stato senza dubbio un esordio migliore rispetto a quello del 2021.

Sono contento perché ho giocato un ottimo match, con un break per set che ha fatto la differenza. Sono felice anche per il pubblico, per la bella atmosfera e per i tanti bambini che sono venuti a vedermi" ha affermato.

I prossimi obiettivi e il cambio di mentalità

Il talentuoso 20enne ha commentato la presenza all'evento di Fabio Fognini, esprimendo alcune osservazioni sull'avvicinamento della Coppa Davis: "Fabio mi aveva detto che sarebbe venuto, siamo molto amici.

Stiamo condividendo dei bei momenti oltre al tennis. La Davis? È un avvenimento che ormai stiamo aspettando tutti, abbiamo una squadra che al completo è competitiva con tutte. Noi siamo un bel gruppo e ci proveremo” ha aggiunto.

Su possibili miglioramenti del format, visti i tanti atleti giovanissimi che stanno avendo successo nel circuito: "Non ha tanto senso parlare di età, se uno è bravo a superare questo ostacolo è merito suo e deve dimostrare di poterlo fare.

Sinner e Alcaraz hanno vinto quando avevano 18 anni. Rune, che ha dato forfait, ne ha 19. Magari avrebbe più senso un limite di ranking" ha sottolineato. Poi ha rimarcato, lanciando un segnale: "Quella parola (vincere) nessuno la può dire con certezza, ma del resto è così in ogni torneo.

La mia mentalità è cambiata e adesso l'obiettivo che mi pongo è sempre quello di arrivare in fondo, già dall'Australia a inizio 2022 era così. Credo che questo format delle Next Gen tenda un po' ad appiattire il livello, l'obiettivo è sapersi adattare" ha concluso.

Lorenzo Musetti Atp Finals
SHARE