Holger Rune e Carlos Alcaraz insieme. Lo sconvolgente precedente



by   |  LETTURE 4552

Holger Rune e Carlos Alcaraz insieme. Lo sconvolgente precedente

Nel pomeriggio Holger Rune sfiderà Carlos Alcaraz sul centrale di Parigi-Bercy. Uno scontro tra classe 2003 legati da un cammino comune: «Non ho niente da perdere». E’ anche l’anno di Holger Rune Carlos Alcaraz numero 1 del mondo, ma il 2023 è anche l’anno di Holger Rune, avversario dello spagnolo nel pomeriggio in uno dei quarti di finale più attesi a Parigi-Bercy.

Il danese ha conquistato due titoli in stagione, sulla terra di Monaco e nell’indoor di Stoccolma, e battendo Andrey Rublev giovedì ha toccato quota sei successi contro un Top 10. Ora Alcaraz, con cui ha un passato comune a livello giovanile, oltre che un’esperienza di coppia a “Les Petits As”, prestigiosa competizione riservata ad Under 14.

Unico precedente la NextGen di un anno fa, con vittoria dello spagnolo. Siamo insomma al principio di una lunga rivalità: «Lo spero - le sue parole di ieri alla stampa - Abbiamo entrambi 19 anni quindi siamo super giovani, abbiamo tanti anni davanti a noi.

È fantastico da vedere. Ci seguiamo da quando eravamo junior. Quello che sta facendo è incredibile, sono super entusiasta di vedere come sarà. Andrò là fuori e mi divertirò». Nessuna pressione: «È il numero 1 al mondo in questo momento, credo di essere lo sfavorito, ma ho 18 anni.

Andrò là fuori e giocherò libero, non ho niente da perdere». Da alcune settimane, al suo fianco, c’è il noto allenatore Patrick Mouratoglou: «Ci stiamo divertendo molto insieme, dentro e fuori dal campo.

Mi sento super privilegiato ad avere al suo fianco lui, oltre al mio storico allenatore, a mia madre, a tutto il team. Conosco Patrick da molto tempo e sono molto contento». Ancora sul match di oggi: «Questo è il tipo di partite che uno insegue.

Giocare contro il numero 1 del mondo su uno dei campi più importanti, sarà fantastico. È per questo che lavori ogni giorno. Vediamo a che punto sono».