Daniil Medvedev perde contro Alex de Minaur e accusa il giudice di sedia



by   |  LETTURE 6953

Daniil Medvedev perde contro Alex de Minaur e accusa il giudice di sedia

Dopo aver conquistato il suo quindicesimo titolo all’Erste Bank Open, Daniil Medvedev non ha superato l’esame Alex de Minaur e ha lasciato il Masters 1000 di Parigi-Bercy al secondo turno. L’ex numero uno del mondo non ha giocato una delle sue migliori partite, ma ha trovato dall’altra parte della rete un’ottima versione di De Minaur.

L’australiano ha lottato su ogni palla e ha dato vita a una serie di incredibili recuperi da fondo campo. Il russo, per l’arco dell’intero match, è apparso piuttosto nervoso e ha più volte rivolto parole e gesti non troppo cortesi nei confronti del giudice di sedia Nacho Forcadell.

Nel primo set, sul punteggio di 4-4, Medvedev ha tirato una risposta chiaramente larga e, solo dopo diversi secondi, ha deciso di chiamare l’Hawk-Eye. L’arbitro gli ha negato la possibilità di verificare la bontà della chiamata ed è iniziata una piccola discussione.

Alla fine della disputa, Medvedev ha rotto la racchetta e mostrato tutta la sua frustrazione.

Medvedev perde la partita e accusa il giudice di sedia

“Non ho parlato con l'arbitro del pubblico. Il pubblico è stato gentile e ha sostenuto entrambi i giocatori, quindi non ho niente da dire.

Secondo me l'arbitro non ha diretto una buona partita, ma non è una critica. Anche io posso giocare male. Nacho (Forcadell, ndr) non ha arbitrato bene, ma parlo solo di oggi, perchè lo considero un ottimo giudice di sedia" , ha spiegato il russo in conferenza stampa.

"Penso che Alex abbia giocato abbastanza bene, anche nel terzo set quando era sotto di un break, ha disputato un grande game in risposta. Quindi ha sicuramente giocato molto bene, non ha regalato nulla. Immagino che abbia fatto la scelta giusta sulla maggior parte dei punti. Ho avuto le mie possibilità per vincere la partita, ma non le ho sfruttate" . Photo Credit: AFP