Aliassime, il primo campione 'post' Federer a Basilea: "Ci ho pensato"

Con il terzo successo consecutivo nel circuito maggiore, Aliassime si candida come uno degli uomini da battere anche a Parigi e Torino. Le sue parole dopo la vittoria

by Perri Giorgio
SHARE
Aliassime, il primo campione 'post' Federer a Basilea: "Ci ho pensato"

Come direbbero i colleghi americani, affidandosi al mondo NBA e a quello di un calendario molto fittio, Felix Auger Aliassime è sopravvissuto a un rarissimo back-to-back-to-back. Nel giro di tre settimana ha sostanzialmente vinto tutto quello che c'era da vincere.

Dopo aver perso le prime nove finali disputate nel circuito maggiore, ha vinto quattro delle successive cinque. Firenze, Anversa e Basilea peraltro in fila. "Sì, è stata una settimana incredibile anche questa. Soprattutto perché sono riuscito a chiudere senza perdere il servizio.

Questa stagione è stata lunghissima, ho ottenuto una striscia di vittorie consecutive incredibile e non è ancora finia. Spero di poter andare ancora avanti perché le emozioni che si provano dopo un torneo vinto sono impareggiabili" ha detto Aliassime, che ha poi analizzato la sfida.

"Ha giocato molto bene. Poi per me non è mai facile mostrare le mie emozioni in campo quando vinco, ma questa volta è stato diverso. Dopo la vittoria mi sono lasciato completamente andare ed è stato bello.

Sinceramente ho provato un granissimo sollievo" Aliassime è stato il primo campione del '500' di Basilea dopo Federer, che aveva vinto le tre precedenti edizioni. "Ci ho pensato stamattina, per me è un'emozione incredibile.

Ci avevo anche pensato prima del torneo a cosa avrebbe rappresentato trionfare in un torneo dove lui ci era riuscito dieci volte. Sono ovviamente lontano da tutto questo, ma sono contento che il mio nome si al suo fianco e a quello di tanti altri campioni sulla bacheca.

Questo titolo è indubbiamente speciale" ha confessato. Qualche parola anche per Rune, che sta affrontando un periodo di forma straordinario e che per la prima volta (dopo appena 85 partite nel circuito maggiore) è entrato tra i primi venti giocatori del mondo.

"Il titolo della scorsa settimana e questa finale testimoniano tutti i progressi che hai fatto in questa stagione, senza dubbio. Sono contento di quello che stai facendo perché tu e il tuo team ve lo meritate, ma sono anche sicuro che ci sarà occasione di incontrarci di nuovo in campo" ha concluso.

SHARE