Tursunov spegne le polemiche e chiarisce il motivo dell'addio ad Emma Raducanu

Il coach ora è il nuovo allenatore di Belinda Bencic

by Mario Tramo
SHARE
Tursunov spegne le polemiche e chiarisce il motivo dell'addio ad Emma Raducanu

La tennista britannica Emma Raducanu ha, poco più di dodici mesi fa, scioccato il mondo del tennis. La giovane britannica riuscì a vincere gli Us Open senza aver mai vinto un match Wta e tutti hanno gridato alla nascita di una nuova stella.

Da quel momento in poi in Gran Bretagna, paese di Emma, tutti sono rimasti increduli davanti al potenziale della Raducanu ma effettivamente Emma non lo ha mai più messo in mostra. C'è chi dice che il motivo risieda nella fama incredibile che ha colpito improvvisamente la tennista e chi invece dà la colpa ai problemi fisici, ma non solo la Raducanu non ha più vinto tornei ma non è mai apparsa realmente competitiva.

Nelle ultime settimane Emma è salita sulla cronaca tennistica per il caso relativo a Dimitry Tursunov: l'ex tennista russo e ora coach ha deciso di non prendere in affidamento come coach la giovanissima tennista, ha rifiutato dopo un periodo di prova ed è ora il nuovo coach di Belinda Bencic.

Qualcuno ha accusato di 'tradimento' Tursunov e questi ha raccontato tutto in un'intervista ai microfoni di Tennis Majors.

Tursunov svela i motivi della rottura con Emma Raducanu

L'ex tennista ha voluto subito fare chiarezza ed ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Non è vero che ho lasciato Emma Raducanu per poter allenare Belinda Bencic.

Non lo avrei mai fatto, ma semplicemente avevo già deciso di lasciare la Raducanu ed il suo team. Non eravamo d'accordo sui termini dell'accordo e c'erano diversi segnali che non andavano bene, poi è frustrante leggere queste cose sui social".

Tursunov ha chiarito: "Il nostro periodo di prova è finito agli US Open e sono rimasto con lei per un po', volevo che funzionasse. Posso dire che Emma è una ragazza fantastica, una vera lavoratrice e non si comporta come una superstar.

È ossessionata dal tennis e volevo davvero che funzionasse. Lasciare qualcuno che mi piace rappresenta una cosa molto dura per me". Tursunov parla poi del potenziale della giovane tennista: "Per me è un progetto che deve durare almeno un anno e mezzo o due anni se vuoi andare sul sicuro.

È una situazione strana perché lei ha già vinto un US Open, ma penso che possa ancora migliorare molto il suo gioco. Ci vorrà del tempo, ma come ho già detto a diversi membri della sua squadra deve solo provarci.

Ci sono tanti vantaggi, Emma ha grande talento ed è forte atleticamente, il materiale è buono ma è un progetto a lungo termine e un allenatore vuole lavorare bene fin da subito. Ho provato a cercare una soluzione per continuare ma alla fine alcuni termini dell'accordo non ci trovavano sullo stesso piano, quindi sono stato costretto a lasciare ma Belinda non c'entra nulla". Photo Credit: Citi Open

Emma Raducanu Belinda Bencic
SHARE