Fabio Fognini mette tutti in guardia sulle Atp Finals: "Non sono un'ossessione"

Il tennista azzurro fa il punto sulla stagione con Simone Bolelli e parla della Coppa Davis

by Luca Ferrante
SHARE
Fabio Fognini mette tutti in guardia sulle Atp Finals: "Non sono un'ossessione"

Fabio Fognini ha tutta la voglia di chiudere l'anno 2022 togliendosi delle soddisfazioni nel circuito maggiore. A Gijon l'azzurro è stato costretto a ritirarsi al debutto per via di un virus intestinale, che lo porterà a effettuare degli accertamenti prima di tornare (si spera) in campo per lo speciale Atp 250 di Napoli.

Recentemente il tennista italiano ha rilasciato un'interessante intervista al Corriere dello Sport, parlando soprattutto dell'avvincente lotta per aggiudicarsi un posto alle Nitto Atp Finals di doppio, in programma al PalaAlpitour di Torino.

In merito, il ligure ha sottolineato con molta sincerità: "A Simone, che considero come un fratello maggiore, dico sempre che se giochiamo possiamo arrivarci. Ci mancano tornei importanti e punti pesanti. Ci proveremo ma non deve essere un'ossessione" è quanto chiarito, sottolineando ulteriormente: "È un sogno e non era un obiettivo a inizio anno.

Ci proviamo ma sappiamo che anche in caso di assenza siamo tra le prime dieci coppie al mondo" ha aggiunto.

E sulla Coppa Davis...

I 'Chicchi' sono stati protagonisti anche con la maglia azzurra in questa annata, dando un contributo importante alla formazione capitanata da coach Filippo Volandri.

Fabio ha così parlato del nuovo format della competizione: "Da amante della vecchia formula, non posso dire che questo mi piaccia. L'ho giocata per dieci anni, arrivavi davvero stremato al termine di un weekend di partite.

Mi è capitato di giocare 12 ore e mezza in due giorni. Questo è un format più veloce e rapido, il punto del doppio ha assunto maggiore importanza" ha dichiarato. Sul futuro del doppio in Italia: "Non saprei.

Berrettini può essere una soluzione, ma in questo momento penserei a un'ipotesi con Musetti e un altro atleta. In questo bel periodo abbiamo alle nostre spalle tanti ottimi ragazzi, che stanno facendo bei risultati al livello Challenger.

Sono tutti tra i primi 200 del mondo e in futuro potranno dare sicuramente una mano" ha concluso. Quest'ultimo mese sarà fondamentale per comprendere se ci sarà un protagonista azzurro all'edizione 2022 delle Finals. Photo credit: Instagram Fabio Fognini.

Fabio Fognini Simone Bolelli Coppa Davis
SHARE