Rissa al Challenger di Orleans, il coach di Moutet: "Ecco com'è andata"



by   |  LETTURE 6289

Rissa al Challenger di Orleans, il coach di Moutet: "Ecco com'è andata"

Un bruttissimo episodio che torna a essere protagonista sulla scena del tennis mondiale. Al Challenger di Orleans Corentin Moutet e Adrian Andreev sono venuti alle mani a fine gara nei pressi della rete. La partita fra i due è stata lottatissima, col bulgaro che è riuscito a vincere col punteggio finale di 2-6, 7-6, 7-6 (click per saperne di più).

L'intervista al coach

In un'intervist all'Equipe a parlare di quanto accaduto è stato l'allenatore del francese Laurent Raymond, che ha spiegato alcuni interessanti dettagli sulla vicenda: "Non c'era niente di insolito da parte di Corentin prima della partita.

L'unica differenza è che si erano incontrati qualche giorno fa al Challenger di Genova, con una sconfitta rimediata da Moutet per 3-6, 7-6, 6-4. Questo forse ha portato a un contesto particolare. Non è successo niente di insolito in Liguria che io sappia.

Solo nel dare il cinque, dove Andreev lo prendeva in giro dicendo qualcosa del tipo: 'Ti ho battuto, sono il migliore' Ma niente di più” ha spiegato. Nel riscaldamento, a quanto pare, l'atleta francese ha preso in giro il suo rivale mentre si stava esercitando con le volée: “È qualcosa che fa di tanto in tanto.

Entra in pista pieno di energia, è nelle sue cose e anche questo fa parte dell'intimidazione. Forse è stata una conseguenza di quello che è successo a Genova, ma non lo so" ha sottolineato il coach.

Poi il diverbio a fine match: "Dopo il match point è stato Andreev a sferrare il primo colpo di spalla. Corentin mi ha detto che gli aveva detto 'Fottiti' due volte durante la partita. C'è stato uno scontro a rete.

L'arbitro di sedia li ha separati. Volevano vedersi dopo la partita ma non potevano avvicinarsi" ha rimarcato. Poi ha concluso: "Bisogna ora attendere la segnalazione dell'Atp, che interrogherà i testimoni a cominciare dall'arbitro di sedia. Penso che volesse prendersi il suo tempo e dare il suo verdetto a freddo"