Lorenzo Sonego spiega la chiave della vittoria contro Zapata Miralles a Sofia



by   |  LETTURE 2234

Lorenzo Sonego spiega la chiave della vittoria contro Zapata Miralles a Sofia

Lorenzo Sonego si sta esaltando in questa prima parte di stagione sul cemento indoor: il tennista italiano, dopo aver conquistato il titolo dell'Atp 250 di Metz, sta riuscendo a dare seguito ai risultati positivi dell'ultimo periodo anche al Sofia Open.

Il torinese ha superato il primo turno del torneo bulgaro grazie al successo in due set contro lo spagnolo Bernabe Zapata Miralles e si è garantito il pass per gli ottavi di finale. Una bella prestazione mostrata in campo dall'azzurro, abile a non correre particolari rischi durante tutto il match e a uscire vittorioso col punteggio netto di 6-3, 6-4.

Il 27enne ha parlato al termine della gara nella consueta intervista in campo ai microfoni di Atp Tour, sottolineando: "Sono molto contento della mia prova. Ho giocato in modo aggressivo, ho mostrato il meglio di me" ha dichiarato con grande soddisfazione, Poi un'analisi più approfondita della sfida: "Zapata è un muro.

La chiave era servire davvero bene ed è esattamente quello che ho fatto. Ho variato molto il mio gioco fin dall'inizio" ha aggiunto e concluso, spiegando come sia riuscito a non concedere neppure una chance di break al suo avversario.

variabile al calcio d'inizio", ha aggiunto l'italiano, che ha impedito a Zapata Mirayes anche di un solo break point.

Attenzione sul prossimo turno

Il prossimo tennista che Sonego dovrà affrontare sarà l'ostico danese Holger Rune, che ha superato l'ostacolo del primo turno chiamato Tim van Rijthoven dopo due durissimi tie-break.

A fine match il 19enne ha commentato: "Ho avuto solo un paio di giorni per potermi allenare qui, ma mi sto davvero godendo il mio tempo. È stato un primo round difficile, può giocare in modo fantastico e in questa stagione ha ottenuto ottimi risultati, quindi sono super felice di avercela fatta" ha affermato ai microfoni di Atp tour.

Poi ha concluso, in vista dell'incontro con l'italiano: "Sto davvero lavorando sodo ogni giorno e cercando di migliorare tutte le piccole cose che posso. Penso di essere rimasto molto concentrato tutto il tempo.

Ho perso la concentrazione solo una volta sul servizio, quando forse non avrei dovuto perdere il servizio. A parte questo sono contento del mio primo confronto. La prima partita è sempre un po' complicata"