Opelka difende Tiafoe dopo la Laver Cup: "Penso sia uno scherzo!"



by   |  LETTURE 3305

Opelka difende Tiafoe dopo la Laver Cup: "Penso sia uno scherzo!"

Il tennista americano Reilly Opelka è stato uno dei tennisti più importanti del tennis a stelle e strisce degli ultimi anni. L'esperto tennista è stato recentemente fermato dai problemi fisici e Reilly non disputa tornei dall'ultimo Citi Open 2022.

Opelka è stato, insieme a Martina Navratilova e Pam Shriver, uno dei telecronisti della Laver Cup ed è stato protagonista di un nuovo ruolo. Nelle ultime ore Opelka è stato protagonista di un curioso scontro social dove è stato costretto 'a scendere in campo virtualmente' per difendere l'amico e connazionale Frances Tiafoe.

Il caso social e la difesa di Opelka per Tiafoe

Frances Tiafoe ha partecipato in coppia con Jack Sock al match di doppio contro Rafael Nadal e Roger Federer, match entrato nella storia come l'ultima sfida su un campo di tennis della leggenda svizzera.

I due americani hanno vinto il match e sono stati successivamente attaccati da numerose polemiche. Tiafoe e Sock hanno ricevuto accuse incredibilmente anche per la vittoria mentre altri hanno attaccato Tiafoe per lo stile troppo aggressivo: durante il match Tiafoe mirava quasi sempre al corpo dei due avversari per fare il punto, a volte una situazione che i fan social hanno giudicato eccessiva ed hanno criticato aspramente.

Dopo il match di Laver Cup alcune fan Page sui social hanno duramente attaccato Tiafoe e Opelka ha risposto tra l'incredulità ed il fastidio con diversi messaggi social. Riguardo le forti risposte al corpo di Tiafoe, Opelka ha risposto: "Non potete inventarvi robe del genere.

Credo che sicuramente è uno scherzo" Gli utenti sui social hanno risposto dicendo che non volevano la vittoria di Federer e Nadal a tutti i costi, ma neanche che Sock e Tiafoe realizzassero ciò, provando a colpire le due leggende ad altezza d'uomo.

Una situazione che trova d'accordo anche l'ex tennista Adriano Panatta. La leggenda azzurra ha difatti attaccato alla Gazzetta dello Sport e ha dichiarato: "Sono stati dei villani, quei due americani tiravano continuamente a tutta forza in faccia a Roger Federer e Rafael Nadal.

Era una mancanza di rispetto ed hanno fatto questo solo perché non erano capaci di fare altro. Sono dei trogloditi del tennis ma soprattutto dei villani nei confronti di due tennisti, campioni, che hanno fatto la storia di questo sport"