"Mi ha ispirato": le stupende parole di Ruud per Matteo Berrettini



by   |  LETTURE 21902

"Mi ha ispirato": le stupende parole di Ruud per Matteo Berrettini

Il tennista norvegese Casper Ruud si trova in uno dei momenti più importanti della sua carriera. Dopo aver raggiunto la finale al Roland Garros arrendendosi solo all'idolo di sempre Rafa Nadal, il tennista ha mostrato di giocare un ottimo livello anche su cemento e qui a New York ha una grossa chance.

Agli Ottavi Casper ha battuto in quattro set il francese Corentin Moutet, un match che si poteva chiudere prima visto il 4-2 nel terzo parziale ma dove nel complesso il giovane nordico non ha fatto particolari problemi. Ruud sfiderà ai Quarti di finale il nostro Matteo Berrettini, consapevole di aver già raggiunto il suo Best Ranking ed anzi di poterlo migliorare ulteriormente.

Il cammino di Ruud in classifica dipenderà anche da quello di Alcaraz subito dietro ma in caso di vittoria su Berrettini Ruud diventerebbe sicuramente almeno numero 3 al mondo, scavalcando l'infortunato Zverev e il russo Daniil Medvedev (che ha perso i punti vinti lo scorso anno).

Le parole di Ruud in vista di Berrettini

Nel post partita dopo la vittoria su Moutet , Ruud ha rilasciato interessanti dichiarazioni coinvolgendo tra l'altro anche il suo prossimo avversario. Ecco le sue parole nello specifico: "Ho bisogno di mantenere la calma in queste condizioni, so che ho bisogno, a questo punto del torneo, di conservare energie.

È tutto molto umido, sudo tanto e sarà difficile mantenere questa condizione per tutto il torneo" Ruud ha avuto davvero belle parole per Matteo Berrettini, suo prossimo avversario a New York. Ecco le sue parole: "Matteo è pericoloso su tutte le superfici e questo è il torneo preferito.

La sua carriera mi ha ispirato e mi ha aiutato a credere in me stesso. Ci siamo incontrati diverse molte e sono consapevole che sarà una sfida davvero molto dura" Quello odierno è un torneo molto importante per Casper Ruud e c'è la possibilità, seppur complicata, che, il tennista norvegese (ovviamente in caso di vittoria) diventi numero uno al mondo entro la fine di questo torneo.