"Deluso, ma non mi metterò a piangere": Medvedev parla dopo il ko con Kyrgios



by   |  LETTURE 4454

"Deluso, ma non mi metterò a piangere": Medvedev parla dopo il ko con Kyrgios

La sconfitta contro Nick Kyrgios agli ottavi di finale degli Us Open è costata a Daniil Medvedev anche la prima piazza dal ranking. Con grande probabilità, salvo miracoli da parte di Carlos Alcaraz o Casper Ruud, verrà rimpiazzato da Rafa Nadal.

Il russo, che non è riuscito ad arginare in alcun modo il piano offensivo del talento australiano, ha provato ad analizzare il tutto in conferenza stampa. "Credo semplicemente abbia giocato bene. Fino alla fine del terzo set penso le cose fossero abbastanza in equilibrio, poi mi ha leggermente superato dal punto di vista fisico.

Fisicamente ho iniziato a sentirmi peggio e penso che sia per colpa dell'aria condizionata che ti arriva alle spalle durante i cambi campo. Mi era già successo a Cincinnati lo scorso anno e non è normale. Ho iniziato ad avere un po' di mal di gola e la cosa ha ovviamente contribuito, ma non voglio cercare scuse, Kyrgios è semplicemente stato più bravo di me" ha detto.

Per Medvedev è stata peraltro la seconda sconfitta in poco meno di un mese contro Kyrgios dopo quella a Montreal. "Sapevo sarebbe stata una partita complicata. Se continua a giocare così, ha tutte le carte in regola per pensare di vincere il torneo.

In generale penso sia stata una partita abbastanza normale, lui ha servito in maniera incredibile ed è stato bravo con alcune palle corte nei momenti importanti. Il suo livello generale è stato molto alto, quindi non sono sorpreso da questa sconfitta" Questione numero uno.

"Mi dispiace molto. Soprattutto dopo una partita del genere. Certo, non mi chiuderò in camera a piangere, ma sono molto deluso. Per qualche giorno sarò triste, proverò a distrarmi guardando una serie tv o un film.

Ma questa non è stata comunque la prima cosa che mi è venuta in mente dopo la partita. Non so neanche se sarò 3 o 4 alla fine di questa settimana, ma sarà sicuramente un monito per fare assolutamente meglio.

Il rapporto con Kyrgios è rimasto immutato, nonostante la sconfitta e qualche sporadico episodio di tensione. "Ci rispettiamo molto, come ho già detto. Non credo abbia fatto cose strane oggi, so che di solito ogni partita è diversa .Oggi però non credo che i suoi atteggiamenti mi abbiano fatto in qualche modo distrarre"