"Non ci definirei amici": Medvedev prima della sfida con Kyrgios

Daniil Medvedev e Nick Kyrgios: rispetto sì, amicizia no. Queste le sue parole prima della sfida

by Perri Giorgio
SHARE
"Non ci definirei amici": Medvedev prima della sfida con Kyrgios

Fa Nick di nome e Kyrgios di cognome il primo, vero, ostacolo sulla strada per la finale di Daniil Medvedev, reduce dalla vittoria piuttosto netta contro Wu. Il numero uno del mondo, e ovviamente detentore del titolo, ha parlato in conferenza stampa delle sensazioni dopo la vittoria e della vigilia della sfida con il tennista australiano, che ha vinto il più recente dei precedenti sul cemento di Montreal.

"Wu sta giocando molto bene. Forse gli manca ancora un po' il servizio per fare il salto di qualità definitivo, ma ho trovato un giocatore molto competitivo dal lato opposto della rete. E risponde in maniera incredibile, sono rimasto molto sorpreso.

In cosa potrei migliorare io? Dovrei commettere meno doppi falli e concedermi meno pause durante le partite, questa è la mia sensazione. Non sarà facile, ma ho fiducia in me stesso" Capitolo Kyrgios. "La partita che abbiamo giocato a Montreal è stata molto indicativa.

Sappiamo entrambi cosa aspettarci uno dall'altro. In quella partità è riuscito a giocare meglio i punti decisivi e dovrò ragionarci. Dovrò trovare una soluzione. So cosa devo fare e per quanto mi riguarda questa è la cosa più importante allo stato attuale.

Spero di vincere, ovviamente, farò di tutto per continuare ad anadare avanti nel torneo" Amici? No. Anche se il rispetto non manca. "Siamo in buoni rapporti, anche se non credo sia un mio amico. Voglio dire, non ci definirei amici, poi non so quale sia il suo pensiero a riguardo.

Quando dico 'amico' intendo che magari non siamo mai andati al pub insieme, ma c'è molto rispetto fra noi due sotto tutti i punti di vista. In campo non abbiamo mai avuto discussioni ed è strano dato il nostro carattere.

Lo rispetto anche per cosa è capace di fare e per quanto si impegna fuori dal campo con le faccende extra-tennis. Nick è un po' diverso da tutti gli altri, ma io non sono nessuno per giudicarlo ed è proprio per questo che lo rispetto molto" Dalla finale di Wimbledon al colpo a Montreal.

"Sinceramente sono sorpreso. Conoscevamo il suo talento, ma non pensavamo potesse addirittura raggiungere traguardi del genere. Non posso che congratularmi con lui perché pare abbia finalmente dato un senso alla sua carriera" ha spiegato.

Daniil Medvedev Nick Kyrgios
SHARE