"È stato folle": tutto l'entusiasmo di Coric dopo la vittoria con Norrie a Cincinnati

Borna Coric raggiunge la finale a Cincinnati dopo una cavalcata perfetta. "È stata una gioranta completamente folle"

by Perri Giorgio
SHARE
"È stato folle": tutto l'entusiasmo di Coric dopo la vittoria con Norrie a Cincinnati

Il passo falso a Montreal all'esordio ha fatto da sfondo alla finale a Cincinnati ad appena una settimana di distanza. Dopo Lorenzo Musetti, ma soprattutto Rafa Nadal al secondo turno, il tennista croato ha annotato sul taccuino delle vittime Roberto Bautista Agut, Felix Auger Aliassime e Cameron Norrie, che aveva liberato il tabellone del Western&Southern Open dalla sempre scomodissima presenza di Carlos Alcaraz, chiaramente a corto di benzina alla vigilia dell'ultimo Slam stagionale.

Tutta la gioia di Coric: "Giornata lunga finita bene"

"Diciamo che è stata una giornata lunga, molto lunga. A essere sincero non mi aspettavo di giocare così tardi e questo ha scombussolato un po' la mia routine.

Poi quando ho ripreso il controllo delle cose mi sono tranquillizzato. Sì, una giornata folle che è finita proprio come speravo. Sono molto felice del livello che sto esprimento e non posso che essere fiero di quello che ho fatto dopo tutte le difficoltà delle ultime stagioni" ha raccontato con grande umiltà.

Il tutto nonostante una partenza piuttosto complicata, condita dal 3-1 Gran Bretagna. "A inizio partita non mi sentivo me stesso. Non sentivo bene la palla e non riuscivo a trovare i giusti appoggi negli scambi prolungati. Alla fine ho trovato il mio ritmo, ho ricominciato a servire meglio e credo che questa sia stata la chiave per vincere proprio come la scorsa volta" Coric ha preso ovviamente in analisi le difficoltà incontrate negli ultimi due anni, dagli infortuni alle sconfitte fino ad arrivare alla redenzione in Ohio.

"Ho lavorato davvero duramente negli ultimi sei mesi. Una volta che rientri tra i primi venti o trenta giocatori del mondo le cose cambiano completamente. Cambiano i tabelloni, cambia la percezione di te stesso. Quando sono scivolato nel ranking non sapevo neanche dove mi trovato, sapevo e volevo solamente ricominciare a giocare e a vincere.

Ho lavorato davvero duramente per ottenere di nuovo risultati di questa portata, negli ultimi sei mesi non ho davvero pensato ad altro" ha concluso. Photo Credit: Getty Images

Borna Coric
SHARE